Giochi, cromoterapia e realtà virtuale. Riabilitazione 2.0 per bimbi malati

Il nuovo punto multidisciplinare offrirà percorsi di recupero per i piccoli con problemi congnitivi e motori

Giochi, cromoterapia e realtà virtuale. Riabilitazione 2.0 per bimbi malati

Giochi, cromoterapia e realtà virtuale. Riabilitazione 2.0 per bimbi malati

Un ambiente che cura. È stato studiato è progettato proprio nell’ottica di realizzare spazi per il benessere il nuovo Centro Multisensoriale e Multidisciplinare Alab che offrirà una serie di servizi per la riabilitazione cognitiva ma anche motoria a bambini e ragazzi con diversi bisogni e patologie (e non solo) ma anche sostegno alle famiglie. La struttura, in via dei Colatori nell’area di Doccia, sarà inaugurata il prossimo sabato alla presenza, fra gli altri, del sindaco Lorenzo Falchi e della vicesindaco Claudia Pecchioli. Il progetto Alab nasce da un’idea della Start up innovativa "Anthropic SB srl" ed è stato realizzato in collaborazione con l’associazione Amico di Valerio Aps: "L’idea che abbiamo voluto realizzare anche tenendo conto della nostra esperienza professionale di architetti – spiegano Ida Buonavoglia e Monica Caporaso socie fondatrici della start up – è stata di innovare la riabilitazione attraverso l’uso della multisensorialità, del design mirato e della cromoterapia. Nel centro, che si estende per 350 metri quadrati, c’è anche ad esempio una stanza multisensoriale nella quale, tra l’altro, i bambini con particolari bisogni nell’ambito neurocognitivo e neurosensoriale possono trovare particolari stimoli. C’è poi una stanza dedicata alle realtà immersive in cui viene utilizzata anche la realtà virtuale che consente ai pazienti di affrontare sfide specifiche in un ambiente controllato". Spazio anche alla Games Therapy utilizzata, fra l’altro, per cercare di offrire occasioni di socializzazione e sostegno ad adolescenti che, sempre più di frequente, decidono di trascorrere il loro tempo quasi esclusivamente in casa davanti allo schermo di un computer. In totale saranno più di 30 i professionisti, anche provenienti da associazioni, impegnati, nei diversi ambiti, che promuoveranno anche laboratorie anche attività di sostegno alle famiglie.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro