Il finto corteo funebre di sabato sera (foto Gianluca Moggi/New Press Photo)
Il finto corteo funebre di sabato sera (foto Gianluca Moggi/New Press Photo)

Firenze, 19 gennaio 2020 - Un carro funebre (d'epoca), corone, manifesti, candele, una bara (vera) per un funerale (finto). Chi ha visto questa scena in zona Cascine sabato sera deve essersi chiesto che cosa fosse successo. Un funerale di sabato sera, molto tardi, con musica, scene di pianto finto e diverse risate? Sì, era una goliardata. Era il "funerale" che il 33enne Giuseppe Vetrano si è voluto... regalare. 

Il cantante pugliese vive a Firenze; è appassionato di auto d'epoca e di musica hard rock. Dovendo tornare momentaneamente nella sua regione di origine per ragioni familiari, ha pensato bene di congedarsi dai suoi amici non con la tradizionale serata in pizzeria o, tutt'al più, al pub, bensì con un corteo funebre. E tutto regolare: aveva chiesto e ottenuto da Palazzo Vecchio il permesso di inscenare l'ultimo saluto che poi ultimo, almeno per il momento, è stato, perché dopo essersi fatto vegliare disteso in una vera bara, Vetrano si è alzato sulle proprie gambe. E chissà se si è congedato dall'insolita e macabra serata citando Stan Laurel, che con la comicità surreale del suo Stanlio disse: "Se al mio funerale vedo qualcuno con il muso lungo non gli parlo più...".