Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
4 dic 2020

E' morta Ghita Vogel. Addio all’angelo di San Frediano

Betori: "Ha dedicato sua vita al bene per gli altri"

4 dic 2020
featured image
Ghita Vogel con Don Danilo Cubattoli
featured image
Ghita Vogel con Don Danilo Cubattoli

Firenze, 4 dicembre 2020 - È morta a Firenze Ghita Vogel, storica collaboratrice di Don Danilo Cubattoli e figura molto conosciuta in città. Le esequie saranno celebrate domani, alle 15.30, nella chiesa di San Frediano in Cestello. Cordoglio da parte dell'arcivescovo di Firenze, cardinale Giuseppe Betori. «Grande generosità e spirito di carità hanno caratterizzato tutta la vita di Ghita Vogel - sottolinea Betori -, prima quella professionale di medico cardiologo, e poi quella personale. Una vita dedicata interamente al bene per gli altri e vicina all'opera di sacerdoti della nostra diocesi come don Danilo Cubattoli, insieme a lui si è spesa per molti anni per stare accanto ai giovani e alle famiglie bisognose di San Frediano. Stretto anche il suo legame con l'Opera Madonnina del Grappa e in particolare con il coetaneo mons. Corso Guicciardini Corsi Salviati, altro grande testimone della carità, che abbiamo affidato al Signore un mese fa».

«Siamo grati a Ghita Voghel anche per il sostegno dato con grande generosità alla nostra Caritas diocesana - aggiunge -, per molte attività svolte a sostegno dei più poveri. Ricordiamo nella preghiera questa donna umile, mite, ma determinata che ha lasciato sicuramente un segno esemplare di passione cristiana e spirito di servizio nella nostra città». Si unisce al cordoglio l'assessore alla cultura della memoria di Firenze Alessandro Martini. «Ho conosciuto Ghita Vogel e collaborato con lei in molti progetti - ricorda -. La sua morte è davvero una notizia che mi addolora molto. Si tratta di una grande perdita per Firenze. Ghita Vogel è stata una donna straordinaria, ha vissuto una vita lunga ed operosa dedicata agli altri con una generosità non comune e una grande attenzione in particolare ai più fragili. Ci mancherà molto». 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?