Quotidiano Nazionale logo
6 mag 2022

Domenica torna la “Guarda Firenze“ È la seconda corsa più antica della città

La partenza sarà alle 9.30 da piazza Duomo, dove verrà posto anche l’arrivo

Si corre, si scopre la storia di Firenze, si respira la città. Dagli adulti alle scuole. Dopo l’inferno Covid l’orizzonte si apre e ci mostra la 48a edizione della Guarda Firenze, la seconda corsa più antica della città. Torna domenica 8 con partenza alle 9.30 da piazza Duomo e arrivo nel medesimo luogo. Due percorsi: quello da 10 km e quello “simpatia” (se non ce la fai) chiamato “Family Run”, di soli 3 chilometri. Previsti 200 premi a sorteggio per tutti coloro che arrivano alla fine dei 10 km e saranno premiate anche le prime cinque scuole che presenteranno alla partenza un minimo di 30 partecipanti: in quest’ultimo caso il riconoscimento sarà finalizzato all’acquisto di materiale didattico-sportivo. I partner dell’evento sono Comune di Firenze e Regione Toscana, mentre il promotore è l’ente di promozione sportiva Libertas, con l’organizzazione curata da Firenze Marathon e Atletica Firenze Marathon. "L’evento fa vivere il centro storico da cittadini, sportivi e famiglie", ha dichiarato l’assessore allo sport Cosimo Guccione che ha citato anche il lavoro fatto dalla collega Sara Funaro nel coinvolgere anche i bambini. "Siamo felici di ripartire dopo la pandemia", ha aggiunto il presidente del Comitato organizzatore Giancarlo Romiti. Naturalmente i partecipanti alla corsa da 10 km riceveranno, come da tradizione, la T-shirt ufficiale Joma Guarda Firenze con scritto "Lo sport ha il potere di cambiare il mondo".

Ecco il percorso di 10 km: piazza San Giovanni (angolo via Martelli), via Roma, piazza della Repubblica, via Calimala, piazza del Mercato Nuovo, via Por Santa Maria, lungarno Acciaiuoli, lungarno Corsini, piazza Goldoni, via della Vigna Nuova, via degli Strozzi, piazza della Repubblica, via Roma, piazza San Giovanni (lato via Martelli), piazza Duomo (lato via dei Servi), via del Proconsolo, piazza di San Firenze, via dei Gondi, piazza Signoria, via della Ninna, via dei Leoni, via dei Neri, via dei Benci, lungarno delle Grazie, lungarno della Zecchia Vecchia, ponte San Niccolò, piazza Ferrucci, viale Michelangiolo, piazzale Michelangelo, viale Poggi, via dei Bastioni, piazzetta di San Miniato, via di San Miniato, via di San Niccolò, via Lupo, lungarno Serristori, piazza Demidoff, lungarno Serristori, ponte alle Grazie, lungarno Generale Diaz, lungarno Luisa de’ Medici, via Por Santa Maria, via Vacchereccia, piazza Signoria, via Calzaiuoli, piazza San Giovanni.

Niccolò Gramigni

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?