La Guardia Costiera nel mare elbano
La Guardia Costiera nel mare elbano

Firenze, 16 settembre 2021 - Dolore a Firenze per la morte di un sub di 21 anni, Cosimo Piccini, grande appassionato di pesca in apnea. La tragedia è avvenuta all'Isola d'Elba, davanti alla spiaggia della Miniera del Ginevro, nel Comune di Capoliveri. Il ragazzo, che era con un amico, non è più risalito ed è stato lanciato l'allarme.

La scomparsa è del pomeriggio di mercoledì 15 settembre, mentre il ritrovamento è avvenuto nella mattina di giovedì. Un amante del mare che non perdeva occasione di tuffarsi nel blu, una passione forte per il giovanissimo fiorentino. In compagnia di un amico, su una barca, aveva deciso per un giro all'Elba, esplorandone i fondali.

I due si sono tuffati, ma di Cosimo si sono perse le tracce. L'amico, risalito sulla barca, si è accorto di aver perso i contatti con il giovane ed è scattato l'allarme. La Guardia Costiera ha inviato per le ricerche i mezzi navali dell’Ufficio Locale Marittimo di Porto Azzurro e della Capitaneria di Porto di Portoferraio.

Le prime ricerche non hanno dato esito. Cosimo era scomparso. Nessuna traccia neanche a terra, con l'intervento sulla costa dei vigili del fuoco di Portoferraio e dei carabinieri di  Capoliveri. Sono partite anche le ricerche con un elicottero del 2° Nucleo Aereo della Guardia Costiera di Sarzana, abilitato alle ricerche notturne.

A coordinare le ricerche, la Direzione marittima di Livorno. Ricerche che sono andate avanti per tutta la notte. Sono stati i sommozzatori dei vigili del fuoco di Livorno a trovare il giovane su un fondale di circa 20 metri proprio nelle acque di fronte alla Miniera del Ginevro. Il magistrato ha disposto, dopo il recupero, il trasferimento alla camera mortuaria per le valutazioni del medico legale. 

Il legame di Cosimo con il mare era inscindibile. Tanti i messaggi di cordoglio del mondo della subacquea. "Ogni parola sarebbe superflua, buon viaggio Cosimo", si legge sui social.