Capannucce in città e il "presepe in scatola": novità per la ventiduesima edizione

Oltre all'iscrizione con i presepi realizzati in famiglia, parrocchia e scuola, i partecipanti possono realizzare un manufatto e portarlo alla premiazione. Premi per tutti il 5 gennaio

Un momento della premiazione della scorsa edizione di Capannucce in Città
Un momento della premiazione della scorsa edizione di Capannucce in Città

Firenze, 2 dicembre 2023 - Torna per il 22° anno Capannucce in Città, l’iniziativa che valorizza il presepe, vero simbolo del Natale: tutti coloro che lo realizzano, saranno premiati in una festa il 5 gennaio 2024 alle ore 16 nella chiesa di San Gaetano. Il tema di quest’anno è la “piccolezza”, ispirato dalle parole di Papa Francesco: “Riscopriamo attraverso il presepe la sorpresa e lo stupore della piccolezza di Dio, che si fa piccolo, non nasce nei fasti dell’apparenza, ma nella povertà di una stalla".

Come ogni anno, ogni scuola, parrocchia, famiglia può partecipare con il proprio presepe tradizionale. L'iscrizione è semplice e gratuita e aperta a tutti. I partecipanti possono iscriversi individualmente o in gruppo tramite il sito https://www.gogofirenze.it/capannucceincitta entro il 22 dicembre. Le foto dei presepi realizzati in casa, parrocchia o scuola possono essere inviate a [email protected] e saranno pubblicate sui social dell’iniziativa.

Quest’anno, in linea col tema dell’edizione, c’è una novità: il “Presepe in Scatola". I partecipanti, oltre a iscriversi con la sacra natività realizzata in casa, parrocchia o scuola, possono esprimere la propria creatività in uno spazio ridotto costruendo un presepe in formato “portatile”, grande al massimo come una scatola di scarpe. Questi manufatti andranno portati con sé il giorno della premiazione e parteciperanno a un concorso speciale: ai tre più originali verranno assegnati altrettanti premi speciali. Perché il comitato possa valutarli, le loro foto dovranno essere inviate via mail a [email protected] entro il 22 dicembre.

Il 5 gennaio i partecipanti saranno premiati con un diploma nominativo e un piccolo dono. Presiede Padre Bernardo Maria Gianni, priore di San Miniato al Monte e presidente del comitato promotore. Ci saranno anche il segretario e fondatore dell’evento Mario Razzanelli, il past president Paolo Blasi e tutti i membri del comitato promotore.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro