Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
14 apr 2018

Cani per ciechi, open day: ecco come adottare un cucciolo / FOTO / VIDEO

Le famiglie che accoglieranno uno degli amici a quattro zampe contribuiranno ad allevarlo: tutte le spese sono a carico della Regione

14 apr 2018
fabrizio morviducci
GERMOGLI PH: 14 APRILE 2018 SCANDICCI SCUOLA CANI GUIDA PER CECHI OPEN DAY
Uno dei cani durante l'open day alla scuola (Fotocronache Germogli)
GERMOGLI PH: 14 APRILE 2018 SCANDICCI SCUOLA CANI GUIDA PER CECHI OPEN DAY
Uno dei cani durante l'open day alla scuola (Fotocronache Germogli)

Scandicci (Firenze), 14 aprile 2018 - «Felicità è un cucciolo caldo» diceva Lucy uno dei personaggi della celebre striscia a fumetti Peanuts, mentre accarezzava il bracchetto Snoopy. Ma per chi adotta un labrador o un retriever della scuola cani guida per ciechi della Regione Toscana, alla felicità si aggiunge anche la solidarietà, visto che l’adozione è finalizzata all’assegnazione dei cuccioli ai non vedenti che ne hanno necessità.

La scuola, che ha sede a Scandicci, apre periodicamente le porte alle famiglie affidatarie e ai cittadini proprio per incentivare il percorso di adozione in famiglia, una tappa fondamentale nell’addestramento dei cani, che imparano a socializzare fin dai primi mesi. Da stamani in tanti sono arrivati a Scandicci: le famiglie affidatarie con i loro cuccioli, insieme a loro i non vedenti con i cani addestrati che in tanti casi riconoscono ancora chi si affidava da loro ‘da piccoli’, nuove famiglie interessate a entrare in questo circuito solidale.

Ma come funziona? La Scuola Nazionale Cani Guida per Ciechi della Regione Toscana, ormai da anni si avvale della collaborazione di famiglie volontarie per educare e socializzare i propri cuccioli destinati a diventare dei meravigliosi cani guida per le persone non vedenti che ne fanno richiesta.

Le famiglie che decidono di aderire al progetto di affidamento, che ha una durata di circa un anno, e si occupano di educare e socializzare il cucciolo in ambiente cittadino per abituarlo alle varie situazioni che incontrerà quando sarà un cane guida. E' preferibile che le famiglie interessate siano residenti in Firenze e provincia (è comunque possibile collaborare con famiglie residenti anche in zone più lontane, l'importante è che siano disponibili a frequenti spostamenti per raggiungere la Scuola).

Tutte le spese riguardanti il mantenimento e la cura veterinaria del cane sono a carico della Regione Toscana. Per qualsiasi informazione sul programma di affidamento è comunque possibile contattare la Scuola dal lunedì al sabato, dalle 7.30 alle 13, al numero 055/4382855 o scrivendo all'indirizzo email [email protected]

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?