Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
17 giu 2022

Firenze, la nuova tecnica che permette di "guardare" dentro il pancreas

Innovativa pratica endoscopica a San Giovanni di Dio per la rimozione dei calcoli. Prima volta in Toscana. “Si è potuto bombardare sotto visione diretta”. Paziente dimesso dopo 3 giorni

17 giu 2022
featured image
Andrea Nucci con alcuni collaboratori
featured image
Andrea Nucci con alcuni collaboratori

Firenze, 17 giugno 2022 - Per la prima volta in Toscana e pochi sono gli altri casi in Italia, all’ospedale di San Giovanni di Dio un coledocoscopio di dimensioni millimetriche è stato utilizzato con successo sul pancreas, nello specifico su una calcolosi massiva pancreatica. Il paziente di 89 anni soffriva di coliche importanti da ostruzione causate dalla presenza di numerosi calcoli, almeno 3 di dimensioni superiori al centimetro, all’interno della via pancreatica. Operato dall’équipe di Andrea Nucci, direttore della Gastroenterologia ed Endoscopia della Ausl Toscana centro, il paziente è stato dimesso dopo tre giorni.

Per il trattamento della calcolosi pancreatica, la litotrissia extracorporea a onde d’urto sotto guida Tac, è una pratica clinica comunemente utilizzata. Nel caso in questione la litotrissia è stata eseguita tramite il coledocoscopio che ha consentito la visione diretta e la possibilità di sprigionare le onde d’urto con una fibra di un millimetro, inserita nello strumento, direttamente e solo sui calcoli e non sulle pareti dei dotti per ridurne gli effetti lesivi. Si tratta di uno strumento endoscopico monouso delle dimensioni di 3,3 millimetri che viene introdotto all’interno del canale operativo del duodenoscopio e quindi guidato nella via biliare o nel Wirsung, il dotto pancreatico principale come in questo caso. Lo strumento consente, tramite la visione diretta, sia di fare biopsie mirate andando a esplorare dove si ritiene più opportuno, sia la distruzione in frammenti dei calcoli attraverso l’invio di onde d’urto. Lo stesso operatore guida i due strumenti contemporaneamente.

“Abbiamo portato i nostri occhi dentro questo piccolissimo canale che è il Wirsung – spiega Andrea Nucci – Nelle gastroenterologie dell’Azienda questo piccolo strumento è già utilizzato ma questa è stata la prima volta che lo si è utilizzato all’interno del pancreas dove i calcoli ostruenti non sono poi così usuali e sono abitualmente molto resistenti. Si è praticamente bombardato sotto visione diretta e non sotto guida di un’immagine indiretta radiologica. Poi abbiamo proceduto a estrazione con un cestello microscopico e con i consueti dispositivi”. Al paziente è stato posizionato uno stent di sicurezza rimosso dopo due settimane. E sta finalmente bene, senza le abituali coliche.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?