In bici (StudioSally)
In bici (StudioSally)

Firenze, 14 agosto 2014 - In molti lo facevano già, inutile negarlo. Per accorciare i tempi o più spesso per evitare una strada trafficata e pericolosa. Ma da oggi (anzi, a dire il vero già dal 7 agosto) andare in bici sulle preferenziali è lecito. Almeno sulle direttrici più importanti della città. A comunicarlo è l'associazione Firenzeinbici, che annuncia la buona nuova per i cicolamatori sul proprio portale.  "Finalmente si può! - esulta Marina Brizzi, presidente di FIAB - Da tempo avevamo segnalato come là dove la corsia preferenziale affianca la corsia delle auto, il ciclista, per rispettare il codice, dovrebbe viaggiare al centro della carreggiata" spiega Marina. "Una situazione di chiaro pericolo per chi viaggia in bici."

Poco dopo il colloquio tra i rappresentanti di FirenzeInBici e il neo assessore al traffico Giorgetti, arriva il provvedimento dirigenziale che accoglie le istanze dell'associazione, e che permetterà in alcuni casi ai ciclisti di percorrere la corsia normalmente riservata ai bus. "Questo provvedimento interviene su alcune direttrici molto importanti e trafficate - scrive 'Firenzeinbici'  -  attualmente prive di percorsi ciclabili sicuri. Quali sono? Via Guido Monaco, via del Ponte alle Mosse, via del Ponte di Mezzo, via Sestese, via della Scala e viale Gaetano Pieraccini.

"E' la prima volta che ci confrontiamo con un'amministrazione comunale così pronta a comprendere e soddisfare le nostre richieste - esulta Brizzi - Sicuramente un bel segnale per chi vuole una mobilità più sostenibile a Firenze". "Il prossimo obiettivo sarà di permettere il transito anche nelle corsie preferenziali che attraversano il centro storico". Il provvedimento è in vigore già dal 7 agosto ma è stato reso noto solo ieri.