LISA CIARDI
Cronaca

Allarme ladri Incontro con le autorità: "Adesso telecamere e più presidi"

Dopo la scia di furti l’amministrazione si impegna a garantire un sistema di sorveglianza più efficace

Allarme ladri Incontro con le autorità: "Adesso telecamere e più presidi"

Allarme ladri Incontro con le autorità: "Adesso telecamere e più presidi"

"Più passaggi della municipale, più videosorveglianza e collaborazione con i cittadini per segnalare le situazioni sospette, anche con il ‘controllo di vicinato’". Sono gli impegni presi dall’amministrazione nell’incontro pdi ieri al circolo Mcl di Ginestra Fiorentina, con il sindaco Angela Bagni, l’assessore Annaria Di Giovanni; il comandante dei carabinieri Gianni Mitridate e del vicecomandante della polizia municipale Franco Rugi. Nel corso dell’assemblea, è stato annunciato il potenziamento del sistema di videosorveglianza, che già conta 57 telecamere, concentrate soprattutto nei punti di ingresso in città e nelle zone strategiche. "Nei prossimi giorni – hanno detto il sindaco Bagni e Di Giovanni – incontreremo di nuovo una delegazione di cittadini per il ‘controllo di vicinato’ che permette di coordinare le segnalazioni". Il meccanismo funziona attraverso chat su Whatsapp e mediante l’individuazione di ‘coordinatori’ che fanno poi da punti di riferimento nel rapporto con istituzioni e forze dell’ordine. Nelle ultime settimane, a Ginestra Fiorentina c’è stato un aumento di furti. Due gli episodi che hanno suscitato grande preoccupazione. Il primo a La Caffetteria di via Chiantigiana dove, intorno alle 2 della notte, i malviventi hanno il vetro di una finestra posta sul retro, entrando nel bar e portando via tabacchi e valori bollati. Martedì pomeriggio è stata la volta di un’abitazione. Secondo le prime ricostruzioni dei fatti, i proprietari erano assenti, ma i vicini di casa, allertati dai rumori, hanno lanciato l’allarme, chiamando le forze dell’ordine e scrivendo in una chat di cittadini creata proprio per vigilare su episodi del genere. Ai ladri non è rimasto quindi altro da fare che darsi alla fuga: sono riusciti a far perdere le proprie tracce ma il furto è stato sventato. Sull’episodio indagano i carabinieri della stazione di Lastra a Signa e della compagnia di Signa.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro