Carne coltivata, l’Accademia della Fiorentina: “Inaccettabile. La bistecca è un’altra cosa”

Il presidente dell’Accademia, Giovanni Brajon, spiega le differenze con la carne autentica della Bistecca alla Fiorentina

Bistecca alla Fiorentina
Bistecca alla Fiorentina

Firenze, 21 aprile 2023 – La carne coltivata non è carne, spiega l’Accademia della Fiorentina, l’associazione culturale che da oltre 30 anni celebra la Bistecca alla Fiorentina nei suoi aspetti di ricerca storica, sociale e gastronomica.

"La carne coltivata che non proviene da allevamenti ma da colture cellulari in laboratorio – sottolinea in una nota Giovanni Brajon, presidente dell'Accademia della Fiorentina – non può essere accettata nel disciplinare che distingue un piatto che rappresenta, da almeno 30 anni, la tradizione e cultura di un territorio. La Bistecca alla Fiorentina è infatti il risultato di un prodotto di filiera che parte dal lavoro e dal sacrificio quotidiano di generazioni di allevatori che con cura e attenzione operano in territori che altrimenti sarebbero abbandonati per proseguire con la tradizionale lavorazione nelle macellerie e la sapiente cottura dei cuochi. Se vogliamo parlare di tradizione e cultura di questo simbolo gastronomico non possiamo accettare l'opzione della carne coltivata”.

L'Accademia della Fiorentina ha avviato, lo scorso febbraio, il percorso per inserire la Bistecca alla fiorentina nell'elenco europeo della Specialità tradizionale garantita (Stg).

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro