GIULIO ARONICA
Cosa Fare

Festival della Montagna, due settimane di eventi tra Londa e San Godenzo

Sull'Appennino tosco-romagnolo, la prima edizione della rassegna che celebra la vita rurale a contatto con la natura attraverso un programma di musica, sport, talk, mostre e workshop ad ingresso gratuito

Festival della Montagna

Festival della Montagna

Firenze, 15 giugno 2024 - Aprire la comunità. Per generare relazioni, competenze e cultura: siamo alle porte del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, ad appena quaranta minuti da Firenze, dove tra Londa e San Godenzo lo sforzo comune di amministratori, imprese e associazioni - sostenuto dai fondi del Next Generation UE - ha permesso la nascita di un festival unico e innovativo: la rassegna, dedicata alla montagna fiorentina, è un cocktail di musica, arte, sport, talk e workshop, e un trionfo di sapori locali. 

Il programma di iniziative - interamente gratuite - è diviso in due fasi: il percorso prende il via da domani a Londa, in Piazza Umberto I, con la presentazione degli eventi, la cena di paese e gli stornelli di Agnese Banti, che ad un anno di distanza dalla sua residenza a Londra, racconterà com'è nata l'opera "Fior di mezzogiorno"; lunedì, dopo le attività mattutine per adulti e ragazzi, si prosegue con un'escursione immersiva e di benessere a contatto con la natura rigogliosa e silente dei boschi di Rincine. Tanti gli appuntamenti previsti per martedì, con la visita alla Fattoria sociale ETS, nata a sostegno delle persone con disabilità fisiche e psichiche, i laboratori per bambini alla scoperta dei frutti del territorio e l'incontro per conoscere gli artisti della seconda edizione della residenza "A dimora". In serata, due talk - all'Arci e al Cinema Parrocchiale - per parlare di turismo di qualità e ricordare le storie e i volti che hanno fatto la storia della Resistenza sulla Montagna Fiorentina.

Tra mercoledì e giovedì, un iter suggestivo che dal wine tour all'Azienda Agricola Fattoria San Leolino attraversa luoghi e persone di Caiano sulle note de La Leggera, sino a raggiungere il Centro visite del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. Venerdì, ancora un viaggio nelle aziende agricole locali, da Ca' Vamperti al pastificio Fattoria dei Tatini, che si conclude con un apericena itinerante scandito dalle melodie dell'orchestra popolare "La Nuova Pippolese" e Marco De Lauri, in arte Sethu. Il weekend comincia sul Pratone di Vierle, con sessioni suggestive di yoga, gli stand enogastronomici del Fusigno d'Estate, approfondimenti sulla crisi climatica e laboratori di falegnameria per bambini; in serata, spazio ancora alla musica, con tre performance d'autore, tra classica e impro-jazz, che accompagnano i visitatori nel corso del trekking lungo le pendici del Monte Massicaia. 

E si arriva così a domenica, che si apre con il ritrovo al Valico Croce ai Mori per la pratica immersiva di Terapia Forestale; a seguire, in occasione della premiazione dei vincitori della seconda edizione di Estemporanea Pittura, una giornata di giochi e attività per bambini dedicati al teatro e all'arte, mentre gli adulti potranno partecipare al trekking con la comunità di Rincine sul Lago dell'Aina. Dj set finale in compagnia dell' "agitatore" di pop, elettronica e global music Hugolini. Il secondo tempo del festival si svolgerà a San Godenzo tra 15 e 21 luglio con altre escursioni all'aria aperta per conoscere i segreti e i tesori artistici del territorio, con tantissimi ospiti d'eccezione, come l'Orchestra del Maggio Musicale, Maurizio Carucci ex-Otago e Sarafine