Un momento della notte al liceo classico empolese
Un momento della notte al liceo classico empolese

Empoli, 19 gennaio 2020 - Aule per una sera palcoscenico per la presentazione di libri e di autori, di pagine della letteratura 'rivedute e corrette', di personaggi del calibro di Leonardo proposti in veste insolita ma non per questo meno interessante. Corridoi affollati da genitori, docenti, personale scolastico e ragazzi, insieme protagonisti dell'edizione empolese della Notte nazionale del liceo classico, di casa nella sede di via Cavour del liceo Virgilio. La kermesse, nata nel 2015, ha visto coinvolte quest'anno 433 scuole in tutta Italia: in città, era alla terza edizione con l'obiettivo di festeggiare l'identità della scuola e del progetto che essa racchiude in sé.

Il risultato è stato una serata vivace con tanti spettacoli nei quali sbirciare, con curiosità, incontrando dove i personaggi del Decameron dove quelli dei Promessi Sposi fino ad applaudire il Genio di Vinci, magari dopo aver seguito "Pseudolo" di Plauto o ancora l'iniziativa dall'animo green dedicata al libro di Stefano Mancuso "La nazione delle piante".

Il tutto è stato proposto, insieme ad altri eventi ancora, dagli studenti della scuola, tutti in scena dopo l'inaugurazione della 'Notte' scattata nel pomeriggio in piazza della Vittoria: il corteo ha attraversato il 'Giro' per poi raggiungere l'istituto e alzare il sipario sul cartellone di appuntamenti. Applauditi, dal primo all'ultimo, fino a tarda sera.