Le scelte del Papa per il vescovo di Limite e Vinci

Papa Francesco ha nominato monsignor Fausto Tardelli Vescovo di Pistoia e Pescia, unendo le due sedi in una sola persona. La decisione porta con sé un carico di responsabilità, ma anche un grande arricchimento per entrambi i territori.

Le scelte del Papa per il vescovo di Limite e Vinci

Le scelte del Papa per il vescovo di Limite e Vinci

Papa Francesco ha nominato monsignor Fausto Tardelli nuovo Vescovo di Pescia, unendo la sede di Pistoia a quella di Pescia "in persona Episcopi". Così, monsignor Tardelli è Vescovo di Pistoia e Pescia. Per le parrocchie di Capraia e Limite e Vinci, comprese nella Diocesi di Pistoia, sostanzialmente nulla cambia. Monsignor Tardelli ha scritto una lettera ai fedeli che quindi riguarda anche le parrocchie del nord Empolese: "Il Santo Padre Francesco mi ha nominato Vescovo di Pescia, chiedendomi di diventare a tutti gli effetti il Pastore di quella chiesa sorella, mantenendo però nello stesso tempo il servizio nella diocesi di Pistoia".

Monsignor Tardelli ha ringraziato monsignor Roberto Filippini, suo predecessore nella Chiesa pesciatina, giunto al termine del suo mandato per raggiunti limiti di età. "La decisione del Santo Padre - ha aggiunto il Vescovo - porta sulle mie spalle indubbiamente un carico nuovo quando, tra l’altro, l’età comincia a farsi sentire. Insieme ad un più di pazienza, vi chiedo anche un maggiore impegno carico di responsabilità. La vita della diocesi di Pistoia non deve avere a soffrire da questa novità e, anzi, rimboccandosi le maniche, deve saper affrontare con animo concorde la nuova situazione, aprendosi anche - e questo sarà senz’altro un grande arricchimento - alla vita della Chiesa di Pescia".

L’unione "in persona Episcopi", letteralmente "nella persona del vescovo", è una procedura pontificia che sintetizza come l’unione andrà a lasciare inalterate tutta una serie di strutture - seminari, cattedrali, uffici di curia - ad eccezione del pastore, unico per le due realtà. La comunicazione pontificia porta sotto la guida di Monsignor Fausto Tardelli entrambi i territori, che guiderà pertanto (dati della CEI) circa 350mila abitanti, suddivisi in 27 comuni, per oltre 200 parrocchie raggruppate in 15 vicariati, distribuiti su poco più 1000 chilometri quadrati.

Andrea Ciappi