Un grave lutto ha colpito la comunità di Montelupo Fiorentino e la grande famiglia degli avvocati empolesi. Venerdì sera, si è spento l’avvocato Pierfederico Pierfederici, ottantotto anni, ma una passione immutata per la sua professione, portata avanti per anni nello studio al civico 4 di via Ammannati a Empoli. Pierfederici lascia nel dolore la moglie Mara e le tre figlie Cristina, Antonella e Maria. "Ciao Ghigo, chi lo ha...

Un grave lutto ha colpito la comunità di Montelupo Fiorentino e la grande famiglia degli avvocati empolesi. Venerdì sera, si è spento l’avvocato Pierfederico Pierfederici, ottantotto anni, ma una passione immutata per la sua professione, portata avanti per anni nello studio al civico 4 di via Ammannati a Empoli. Pierfederici lascia nel dolore la moglie Mara e le tre figlie Cristina, Antonella e Maria. "Ciao Ghigo, chi lo ha conosciuto lo saluterebbe così - racconta il nipote, anche lui avvocato, Simone Taddei, in un toccante ricordo di chi non c’è più - Per gli altri era l’avvocato Pierfederici. Un uomo legato alla sua famiglia, per la quale è stato sempre un punto di riferimento. Avvocato fino all’ultimo giorno, non aveva pianificato il ritiro, perché non contemplava l’idea di smettere di essere quello che si sentiva nel profondo e che, dopo ormai cinquant’anni di professione, ancora lo incuriosiva. Appassionato di politica fin da giovane, era stato segretario della Democrazia Cristiana di Montelupo Fiorentino, fino a diventare vice sindaco alle elezioni del 1966. Un ruolo che poi lo vide protagonista nella gestione dell’emergenza del 3-4 novembre di quell’anno. Poi si era dedicato interamente alla professione, ma la passione politica non si era mai sopita come la voglia di confrontarsi e di dar voce al proprio pensiero. Lascia in noi che gli abbiamo voluto bene, oltre ai ricordi, il forte attaccamento ai valori e all’etica professionale, nonché al rispetto del prossimo".

Anche il sindaco Paolo Masetti ha affidato un ricordo dell’avvocato Perfederici ai suoi social. "Pierfederico Pierfederici – scrive Masetti – è stato eletto consigliere comunale per la DC nel gennaio 1965 fu subito vicesindaco nella giunta di Brunetto Giannelli con cui visse da amministratore il difficile periodo dell’alluvione dell’Arno. Fu nuovamente consigliere comunale, sempre per la DC, dal 1990 al 1995 nel primo mandato del sindaco Marco Montagni. Il funerale si terrà oggi ale 15 a Montelupo nella Pieve di S.Giovanni Evangelista. Sarò presente con il gonfalone a nome della comunità tutta. Le mie condoglianze alla famiglia e a chi lo conosceva".