IRENE PUCCIONI
Cronaca

Una vita a tutto gas: il regalo per i 102 anni? Un giro in sidecar

Finizia Curci festeggiata da amici e parenti con un pranzo alla sede dell’Avis: “Al Signore tutti i giorni dico ‘Oh, se devo campà fammi campà bene’”

Finizia Curci festeggia i 102 anni sul sidecar (Foto Germogli)

Finizia Curci festeggia i 102 anni sul sidecar (Foto Germogli)

Empoli, 16 giugno 2024 – Alla straordinaria età di 102 anni (compiuti il 12 giugno), Finizia Curci ci ha preso gusto e anche quest’anno per la sua festa di compleanno si è regalata un bel giro in sidecar. Una tradizione che si ripete perché anche lo scorso anno la ’nonnina’ empolese si era fatta scorrazzare a bordo della motoretta per poi soffiare le candeline alla pasticceria Brotini di San Miniato dove l’attendeva una golosa torta (offerta anche stavolta). Quest’anno, però, tutti a tavola all’Avis dove una trentina, tra amici e parenti, le avevano riservato una bella sorpresa. Finizia è arrivata intorno alle 12 con la sua elegante chioma bianca al vento e gli occhiali d’ordinanza. Tailleur chiaro, smalto rosso, è scesa dal sidecar, prestato da Retro Sidecar di Massimiliano De Bartolo , con disinvoltura benché ad agosto di un anno fa si sia rotta un femore. "Mi hanno operata e quella gamba è tornata perfetta, semmai mi fa male il ginocchio dell’altra", confida sorridente. La sua forza è la tenacia. I suoi 101 anni erano stati preceduti, un paio di mesi prima, da un delicato intervento chirurgico per impianto di pacemaker a causa di una bradicardia sintomatica. L’operazione era stata eseguita nella cardiologia dell’ospedale San Giuseppe dando un esito positivo.

Lei stessa ha sempre affrontato la vita di petto. Originaria di Olevano sul Tusciano, in provincia di Salerno, è arrivata in Toscana tanti anni fa. Rimasta orfana di padre quando era giovane, ha lavorato nei campi a Battipaglia, poi in un tabacchificio e infine realizzava articoli da regalo. Si è sposata due volte e per due volte è rimasta vedova. Non ha avuto figli. Tuttavia non ha mai perso il sorriso. Adesso vive con la nipote Carmela e suo marito in via Cristoforo Colombo, a Ponzano. È autonoma, fa ancora molte cose da sola e ama lavorare all’uncinetto, "senza occhiali, perché mi danno fastidio", ci tiene a precisare. "Ho smesso di cucinare il coniglio fritto che mi veniva benissimo. Purtroppo – spiega – adesso sento poco i sapori dei piatti e quindi ho anche meno appetito. Però non mi lamento. Dalla vita ho avuto tanto". Ha un sacco di persone che le vogliono bene. "Ho talmente tanti nipoti e pronipoti che neppure ricordo il numero – racconta – e un fratello che il prossimo 29 giugno compirà cento anni. Lui abita sempre a Battipaglia con la figlia". Ad omaggiare la nonna sprint è arrivata anche la sindaca Brenda Barnini che le ha consegnato a nome dell’amministrazione comunale un’orchidea e una pergamena. La stessa Barnini non si è fatta sfuggire l’occasione di fare un giretto in sidecar. "È stata davvero una bella sorpresa", ha detto la meravigliosa 102enne ringraziando tutti prima di sedersi a tavola mentre dalla cucina arriva già un delizioso profumo di ragù ’napoletano’. La leggerezza con cui la signora Finizia Curci affronta l’età che avanza è un inno alla vita. "Al Signore tutti i giorni dico “oh, se devo campà fammi campà bene e se deve morì fa che accada velocemente e senza sofferenza". Auguri nonnina e sempre a tutto gas.