‘Testo’: le case editrici invadono la Stazione Leopolda

Dal 23 al 25 febbraio, torna la terza edizione della rassegna ideata da Todo Modo e organizzata da Pitti Immagine con presentazioni e incontri, laboratori e produzioni originali dedicate al libro.

Testo

Testo

Firenze,16 febbraio 2024 - Viaggio nel libro. Sette stazioni per raccontare il lavoro di scrittori ed editor, traduttori e grafici, promotori e librai: la partenza è prevista il 23 febbraio, i pendolari sono 149 case editrici - di cui 55 al debutto - e i migliaia di lettori pronti a riempire di entusiasmo e curiosità gli spazi della Stazione Leopolda, che ospita la terza edizione di "Testo", la manifestazione di tre giorni ideata dall'associazione Todo Modo e organizzata da Pitti Immagine.

Presentazioni e incontri, laboratori e produzioni originali sono il cuore della rassegna, "non una comune fiera - come tiene a sottolineare il direttore generale Agostino Poletto - Ma un momento di fruizione collettiva mutuata dall'esperienza culturale, civile ed educativa delle librerie: l'obiettivo è individuare modalità innovative per raccontarsi ad un pubblico sempre più vasto nella maniera più chiara ed efficace possibile". 

Il programma si apre come sempre nelle due navate grazie all'allestimento curato da Alessandro Moradei, dove ogni editore propone una selezione di titoli del proprio catalogo - altri saranno esposti dietro i tavoli sugli scaffali - che i lettori potranno approfondire attraverso il confronto con uffici stampa, librai e redattori. Il ciclo di nascita del testo verrà ricreato nel consueto percorso a sette tappe - il manoscritto, il risvolto, la traduzione, il segno, il racconto, la libreria, il lettore - affiancato da una serie di laboratori a tema ad ingresso gratuito e posti limitati realizzati da professionisti del settore e dal Dipartimento di Lingue, Letteratura e Psicologia dell'Università di Firenze. 

Tantissimi gli ospiti che hanno confermato la presenza - tra gli italiani, Alessandro Cattelan e Roberto Vecchioni - e numerosi gli omaggi ad autori di ogni tempo, in collaborazione con il Gabinetto Vieusseux: da  Samuel Beckett a Rachel Carson, da Franz Kafka a Stanislaw Lem fino ai nostri Anna Banti, Carlo Emilio Gadda, Eugenio Montale e Giovanni Papini. Tra le novità, il focus dedicato alle riviste indipendenti a cura di Maria Luisa Frisa e Saul Marcadent, l'appuntamento con celebri illustratori e vignettisti come Gipi, Alessandro Sanna, Sualzo e il gruppo di Bao Publishing, e le passeggiate letterarie guidate da Emiliano Cribari e Valerio Aiolli tra Palazzo Corsini Suarez, la Bibilioteca Medicea Laurenziana, la Biblioteca dell'Istituto Francese e la Biblioteca del British Institute.