Donazione al San Jacopo
Donazione al San Jacopo

Firenze, 1° aprile 2020 – Sono tanti e tutti preziosi gli atti di generosità a sostegno di ospedali, medici, infermieri e più in generale di tutta la popolazione della toscana in questo drammatico momento segnato dall’emergenza sanitaria. Dai privati ai singoli cittadini, non si contano le iniziative solidali. Ecco, ad oggi, alcuni degli importanti risultati raggiunti.

 

FIRENZE

Da Fondazione CR Firenze 100mila euro di attrezzature sanitarie. Un ecografo, quattro monitor e quattro telemetrie per ecg sono stati donati alla Fondazione Santa Maria Nuova (Articolo qui)

 

Il Rotary unito per fronteggiare insieme l’emergenza legata al Covid-19. I quattro Club Valdisieve, Bagno a Ripoli, San Casciano Chianti, Bisenzio Le Signe, hanno finanziato un'azione di sostegno alle strutture sanitarie che servono il loro territorio. In particolare è stato individuato come obiettivo l’ospedale Santa Maria Annunziata a Ponte a Niccheri. 5000 mascherine, per un importo complessivo di 9000 euro”. (Articolo qui)

L’associazione fiorentina Firenze in Armonia ha donato una postazione di rianimazione mobile al reparto di anestesia e rianimazione di San Giovanni di Dio di Torregalli (Articolo qui)

Il Comune di Bagno a Ripoli ha distribuito due mascherine per famiglia. La consegna effettuata “porta a porta” dai volontari della Protezione civile e della Vab (Articolo qui)

La Fondazione Bocelli in aiuto di Toscana e Marche, attraverso espiratori e dispositivi di protezione in dono a cinque ospedali. (Articolo qui)

Il Comune di Lastra a Signa ha lanciato una campagna di raccolta fondi a favore dell’Ospedale di San Giovanni di Dio. A distanza di sette giorni i fondi raccolti grazie alle donazioni dei cittadini sono 7.940,00 euro, e sono già stati acquistati 600 camici per la protezione del personale sanitario.  Per donare occorre fare un bonifico all’IBAN IT18P0832537922000000061152 intestato a Fondazione Misericordia di Lastra a Signa causale “Emergenza Covid- 19” .

  Si moltiplicano le azioni solidali della comunità di Barberino Tavarnelle (Firenze). Ammonta a 1500 euro la somma elargita dalla squadra Cinghialai di Barberino e dal Comitato Unitario dei Cacciatori di Barberino, in favore dell’ospedale Santa Maria Annunziata a Ponte a Niccheri, Diritto alla salute e territorio Onlus. https://www.lanazione.it/firenze/cronaca/i-cacciatori-di-barberino-val-d-elsa-donano-1500-euro-all-ospedale-di-ponte-a-niccheri-1.5089254

A Bagno a Ripoli, Compiobbi, Rignano e Pelago sono arrivate 1800 mascherine grazie alla collaborazione di quattro Pro Loco e alla generosità di due pelletterie di Scandicci. I dispositivi sono stati realizzati e donati da Edo.mat srl ed Elys Color di Antonio Montagnani. Duemila mascherine sono state donate al Comune di Vinci da Pellemoda e Hostage, saranno distribuite ai cittadini tramite l’aiuto delle associazioni di volontariato. L’azienda produttrice del marchio My Vintage Academy, ha deciso, in collaborazione con l'amministrazione comunale di Impruneta, di produrre e donare agli imprunetini le mascherine in tessuto.

  Sono arrivati in queste ore a Firenze, provenienti dalla Cina42 ventilatori per far fronte all’emergenza sanitaria, che sono stati acquistati nella maggior parte (36) da Fondazione CR Firenze, da Toscana Aeroporti (3) e dall'associazione Amici del Pronto Soccorso con Amici di Firenze (3). Saranno donati alla Usl Toscana Centro che li distribuirà nelle strutture ospedaliere del territorio. Questo materiale, del valore di circa un milione e mezzo di euro, è stato acquistato dalla Fondazione nell'ambito di uno stanziamento di 3,2 milioni di euro per combattere il coronavirus deliberato giorni fa dal Consiglio di Amministrazione e poi ratificato dal Comitato di Indirizzo. Nei prossimi giorni è attesa una terza spedizione di materiali tra cui 30mila tute sanitarie100mila kit per l’esame del sangue200mila mascherine FP2, acquistate dalla Fondazione CR Firenze e dalla Regione Toscana, cui farà seguito altro materiale in arrivo la prossima settimana.

 In questo momento di emergenza, il lavoro della Croce Rossa è tanto intenso quanto prezioso. Tutti possono sostenere l’attività della Croce Rossa di Firenze.

Le donazioni potranno essere effettuate direttamente alla Croce Rossa Italiana Comitato di Firenze con Bonifico Bancario su  Iban IT29T0867338121024000243377 Croce Rossa Italiana Comitato di causale: “donazione CRI di Firenze,  Covid-19, oppure tramite il sito, effettuare una donazione tramite Pay-pal. Ed è stato anche attivato un crowdfunding su gofundme.com raggiungibile da crifirenze.it/covid19.

https://www.lanazione.it/cronaca/coronavirus-toscana-raccolte-fondi-1.5086376

PRATO

 Da Prato un milione di euro per fronteggiare l’emergenza sanitaria. Raccolto in pochi giorni e già tradotto nell'acquisto di dispositivi di protezione individuale e attrezzature sanitarie destinati alle strutture ospedaliere della Asl centro. Nel dettaglio si tratta di 6 ecografi portatili, 10 ventilatori invasivi, 5mila tute integrali, 22mila mascherine, 20mila camici, 2mila visiere e un notevole quantitativo di disinfettante, che saranno consegnati già a partire dagli inizi della prossima settimana. Questo importante risultato è stato raggiunto grazie a una campagna di raccolta fondi, iniziata il 9 marzo e tuttora in corso, promossa dalla Spes docet onlus e a cui hanno subito aderito la Fondazione Cassa di Risparmio di Prato con 300mila euro, cittadini e imprenditori pratesi, decisi a proseguire e ad aiutare non solo il proprio territorio, ma eventualmente anche altre realtà ospedaliere toscane. https://www.lanazione.it/prato/cronaca/da-prato-un-milione-di-euro-per-la-lotta-al-coronavirus-1.5084258

Prosegue la raccolta fondi del Comitato Pro Emergenze Città di Prato, già acquistati monitor e un ventilatore polmonare per l’ospedale Santo Stefano. A oggi le donazioni al comitato pro emergenze superano già i 100mila euro e si vanno a sommare al materiale sanitario, come le mascherine, che la protezione civile distribuisce a tutti coloro che prestano servizio alla persona, come sociosanitari e volontari. Anche oggi sono arrivate donazioni di mille mascherine da parte di imprese come la Vcbo srl, che si occupa di impianti di sicurezza, e di Novasicurezza srls.

A pochi giorni dal lancio della campagna “ Emergenza corona virus aiutiamo l’Ospedale” lanciata dalla Fondazione AMI Prato, sono stati raccolti oltre 240mila euro di cui 110.723 con Gofundme e 132.000 attraverso la modalità bonifico bancario. L’obiettivo di 100mila euro è stato quindi ampiamente raddoppiato e le donazioni continuano ogni giorno. I fondi sono destinati ai reparti di terapia intensiva e malattie infettive dell’Ospedale. I donatori sono cittadini, associazioni, imprenditori, studi legali, professionisti, aziende, un elenco infinito di testimonianze di solidarietà e vicinanza agli operatori sanitari

Il dipartimento della prevenzione dell’Azienda Sanitaria Toscana Centro ha ricevuto in donazione circa 10mila mascherine FFP2 marchio CE da parte del portavoce della World China Cna Toscana Centro.

Le scuole dell'istituto comprensivo Gandhi hanno devoluto al Comitato Pro Emergenze Città di Prato il ricavato dei mercatini di Natale, dello stand alla festa del cioccolato artigianale di Vergaio e di altre iniziative extrascolastiche. La donazione sarà utilizzata per l’acquisto di attrezzature sanitarie necessarie ad ampliare il reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Prato. Un gesto di solidarietà concreto con cui alunni, famiglie ed insegnanti hanno voluto contribuire per fronteggiare l’emergenza Covid.  

La giovane imprenditrice Laura Parenti ha donato 2mila mascherine con materiale analizzato dall’università di Firenze, per il sistema di protezione civile. Destinati all'ospedale e ai presidi sociosanitari le 3mila mascherine chirurgiche e 500 dispositivi FP2 donate dall’associazione di amicizia Prato-Wenzhou.  L'azienda pratese D&C ha donato 1200 camici destinati agli operatori.

MASSA E CARRARA

Oltre 1 milione di euro. È quanto ha messo insieme in pochi giorni, meno di una settimana, la campagna straordinaria lanciata dalla Fondazione Marmo Onlus per aiutare gli ospedali, a cominciare dal Nuovo Ospedale Apuano, e le associazioni del terzo settore. Una campagna promossa soprattutto attraverso il passa-parola fra imprenditori e cittadini e sui social (dopo la pagina Facebook, la Fondazione Marmo ha aperto anche una pagina Instagram per far sensibilizzare l'opinione pubblica interessata a dare una mano) che ha riscontrato subito tantissime adesioni. Non solo dalle imprese legate al mondo del marmo, ma anche da aziende e imprenditori di Carrara e della nostra provincia di altri settori, dall'edilizia alla meccanica,al commercio al turismo, da tanti liberi professionisti e anche da tantissimi singoli cittadini. Risorse che fin qui hanno permesso alla Fondazione Marmo sia di rispondere a esigenze immediate degli ospedali e dell’associazionismo come  mascherine, magliette e tute anti-contaminazione, ventilatori sia di predisporre acquisti di macchinari come l'ecografo per il Noa o come le due ambulanze attrezzate. https://www.lanazione.it/massa-carrara/cronaca/un-milione-settore-marmo-fondazione-1.5085488

 La Banca d’Italia ha concesso un contributo speciale di 3 milioni di euro che sarà
destinato alla realizzazione di 51 posti letto di terapia intensiva per  fronteggiare l'emergenza covid-19 nelle strutture di Carrara e Massa.

  LUCCA

Dalla Cina con amore. Lo studente Liang Wu, iscritto al secondo anno del percorso di dottorato in Computer Science and Systems Engineering alla Scuola Imt Alti Studi Lucca, a gennaio era ritornato nel suo Paese per il Capodanno, e ora dalla Cina ha deciso di spedire 150 mascherine, distribuite agli allievi e alla comunità accademica e amministrativa della scuola.

Le persone che si trovano in quarantena al proprio domicilio, ricevono una fornitura gratuita di piatti e bicchieri di carta usa e getta grazie all’iniziativa promossa dal Comune di Capannori in collaborazione con la cartotecnica Bartoli di Carraia. L’azienda ha infatti deciso di donare 100 piatti e 20 bicchieri ad ogni cittadino utili ad alleggerire alcuni compiti domestici, come il lavaggio delle stoviglie. Il Centro operativo comunale di protezione civile ha contattato i possibili interessati occupandosi della consegna.

Gli Informatori scientifici del farmaco aderenti alla Fedaiisf, Federazione delle Associazioni Italiane degli Informatori Scientifici del Farmaco, sezione Toscana Nord Ovest, hanno attivato una raccolta fondi cui hanno potuto partecipare sia informatori sia privati cittadini raccogliendo la cifra di 3.131 euro già devoluta all’Asl Toscana nord ovest  per l’acquisto di quanto necessario ad affrontare l’attuale emergenza sanitaria.

È arrivato l’ecografo polmonare portatile donato al reparto di Anestesia e Rianimazione dell’ospedale San Luca di Lucca. La donazione è il risultato della prima delle tre gare di solidarietà per un totale di quasi 45mila euro di attrezzature. Questa prima raccolta, partita dal Lions Club Garfagnana e che ha coinvolto in poco tempo tutti i Lions Clubs Zona G della 4° Circoscrizione (LC Antiche Valli - LC Garfagnana - LC Lucca Host - LC Lucca Le Mura - LC Pescia - LC Pietrasanta Versilia Storica) e la onlus ‘Amo dell’Amore’, ha raggiunto la quota di quasi 22mila euro con cui è stato possibile acquistare l’ecografo polmonare portatile. Grazie a una seconda gara di solidarietà sempre da parte dei Lions Zona G, sono poi stati acquistati un videolaringoscopio e due monitor multiparametrici, raccolta a cui hanno contribuito anche Soroptimist e Panathlon di Lucca, i soci Lions di vari Club e l’Associazione Culturale Francesco Xaverio Geminiani, con cui si è potuti arrivare a un totale di quasi ottomila euro. Intanto è già partita, sempre dai Lions, una terza raccolta per l’acquisto di dispositivi di sicurezza personale dalla Cina.

La Round Table 51 Lucca si è impegnata a sostegno della Misericordia di Lucca, ha aperto la raccolta, donando 500 euro, e invita tutta la cittadinanza a donare. Il ricavato sarà destinato all’acquisto di materiali di protezione per tutti i volontari.

Le aziende del gruppo Italia Technology Alliance (A.Celli Nonwovens, A.Celli Paper, Extreme Automation), per vocazione da sempre vicino al territorio, alla comunità e al benessere sociale, hanno stanziato una donazione per l’acquisto di un ecografo portatile di ultima generazione a tre sonde, utile innesto per rinforzare la strumentazione in uso a supporto dell’assistenza per i pazienti. https://www.lanazione.it/lucca/cronaca/coronavirus-gruppo-celli-1.5084307

La Polizia Municipale di Lucca ringrazia le “Sartine di Lucca” per aver donato agli agenti del Comando mascherine di protezione. Donne, mamme, giovani ragazze che hanno deciso di offrire il proprio contributo in questa emergenza restando a casa e lavorando alla cucitura di mascherine, grazie al contributo fondamentale di ditte private ed esercizi commerciali di Lucca che hanno reperito a titolo gratuito le materie prime. Business Open di Daniele Barbacci & C. snc ha donato gel igienizzanti concentrati per mani.

Fosber in aiuto dell’ospedale di Lucca e delle Forze dell’Ordine: l’azienda ha chiesto supporto alla capogruppo DongFang Precision, con sede a Foshan, per la fornitura di 80mila mascherine. A queste si sommano anche 500 tute, che verranno consegnate al personale sanitario del nosocomio locale. https://www.lanazione.it/cronaca/coronavirus-e-solidariet%C3%A0-fosber-in-aiuto-dell-ospedale-s-luca-e-delle-forze-dell-ordine-1.5078634

Mascherine a casa a tutte le famiglie di Altopasio: le distribuisce il Comune insieme al mondo del volontariato, grazie alla donazione dell’azienda dell’alta moda Peuterey, che ha deciso di convertire la sua linea produttiva interna al confezionamento di questi importanti dispositivi di protezione. Sono state prodotte per i medici di medicina generale, i volontari del terzo settore e a tutti i commercianti in prima linea per garantire i servizi essenziali. Due sarte altopascesi, Daniela e catia,  si sono messe a cucire, da sole, decine e decine di mascherine di tessuto non tessuto e altre ne stanno cucendo. Giannino Distribuzione Spa ha regalato 1000 metri di fettuccia, indispensabile per le sarte, e Cz Store Altopascio ha deciso di donare 800 mascherine, in parte sistemate dalle sarte di Altopascio e in parte da un gruppo di sarte di Lucca. A portare a casa le mascherine, il volontariato altopascese: c’è la Misericordia Altopascio che mette a disposizione i mezzi, ci sono i Comitati paesani, di Badia, Marginone e Spianate, che si stanno organizzando per effettuare le consegne. E ancora i volontari dei Fratres di Altopascio e di Spianate e dell'Avis, così come quelli dell’Auser e dei gruppi Caritas di Altopascio, Badia, Marginone e Spianate.

Per aiutare le famiglie in difficoltà si è attivata sul territorio comunale anche una rete solidale di aiuti che coinvolge insieme all’amministrazione comunale di Barga anche tante aziende ed associazioni del territorio. Il supermercato Conad di Fornaci ha messo a disposizione dei pacchi alimentari da distribuire a famiglie in difficoltà. Per ogni famiglia raggiunta con il pacco alimentare o con il buono spesa verranno per il momento consegnate anche 2 mascherine.  Per rafforzare la rete della solidarietà è stato inoltre aperto un conto corrente postale:  Iban IT73W0324270130CC1604022730 intestato a Comune di Barga.

Grazie all’associazione Alice Benvenuti onlus che da pochi giorni è arrivato nel reparto di pediatria dell’ospedale San Luca di Lucca un monitor multifunzione (monitor G30E) provvisto di rilevatori adattati all’età pediatrica: un saturimetro applicabile al dito, un elettrocardiografo a tre tracce, un misuratore della pressione in automatico con bracciale di dimensioni pediatriche. Luca Menesini, Sindaco di Capannori, ha consegnato 6 tablet direttamente alla Terapia Intensiva dell’ospedale di Lucca: sono già utilizzati dagli operatori sanitari per mettere in contatto i pazienti affetti da Covid-19 con i familiari. Un gesto di solidarietà e vicinanza arriva anche da parte  del comitato per le professioni ordinistiche della provincia di Lucca che riunisce 13 diversi ordini professionali (ordine dei dottori agronomi e dottori forestali, Ordine degli architetti, Ordine degli avvocati, Ordine dei dottori commercialisti ed esperti contabili, Ordine dei consulenti del lavoro, Ordine dei farmacisti, Ordine dei geologi della Toscana, Ordine dei geometri, Ordine degli ingegneri, Consiglio notarile di Lucca, Collegio interprovinciale di periti agrari di Lucca, Pisa, Pistoia, Livorno e Massa, Collegio dei periti industriali, Ordine dei veterinari). Il comitato ha deciso di donare dispositivi di protezione individuale, mascherine, a sostegno del sistema sanitario provinciale. L’associazione Città delle Donne ha devoluto parte del loro fondo all’ospedale San Luca, ai donatori di sangue Fratres Montecarlo 20 litri di gel disinfettante e ai volontari, e Anpana Lucca generi di conforto donati ai medici, infermieri e operatori sanitari per supportarli nel loro operato. Tra i ttanti negozianti che hanno donato generi alimentari,  le pizzerie Marameo e Andreina Sbragia, la pasticceria Le Bontà di San Concordio. 

PISTOIA

Non si fermano le donazioni per sostenere l’ospedale San Jacopo di Pistoia. La prima riguarda un emogas analizzatore, impiegato in un reparto di degenza per pazienti Covid19, donato da Leonardo Brunetti della Clinica Veterinaria  Brunetti e Stroscio. La seconda donazione è un videolaringoscopio da utilizzare in Terapia Intensiva per rendere più semplice l'intubazione dei pazienti. E' stato donato dalle seguenti associazioni: Culturale Energie Nove, Lions Club Pistoia, Lions Club Pistoia, Fuorcivitas, Lions Club Abetone montagna pistoiese, Lions Club Montecatini Terme, Lions Club Quarrata Agliana pianura pistoiese e Lions Club Serravalle P.se.

 

Tante le importanti attività portate avanti dalla Misericordia di Pistoia, che chiede il sostegno di tutti. I volontari sono costantemente impegnati ad aiutare la popolazione,  anche nei servizi a supporto di chi è a casa in quarantena, come la spesa e i farmaci a domicilio. Per continuare ad offrire assistenza e permettere ai volontari di avere le attrezzature e le protezioni necessarie è possibile fare una donazione alla misericordia, IBAN IT 60 R 05034 70460 000000003319 - Causale “sostegno ai volontari”

 

GROSSETO

L’associazione A.Gi.Mus Grosseto si rivolge agli amici, al pubblico dei concerti e ai suoi partner, per chiedere un aiuto concreto da destinare all’ospedale Misericordia di Grosseto. Ha attivato una campagna di raccolta fondi finalizzata all’acquisto di mascherine chirurgiche, mascherine FFP2, mascherine FFP3, tute di categoria 3-4 per rischio biologico e chimico, visiere, occhiali e copriscarpe. L’obiettivo è raggiungere la cifra di 5mila euro. Ognuno può contribuire, anche con una piccola somma, con un bonifico sul conto corrente intestato ad A.Gi.Mus Grosseto: Iban: IT 17 P 084611430 000 001069 7803 Banca di Credito Cooperativo Castagneto Carducci Ag. Grosseto – Causale: Emergenza Covid-19. Oppure con PayPall accedendo direttamente alla pagina di donazione sul sito.

SIENA

La generosità dell’università di Nantong si tocca con mano anche al conservatorio Rinaldo Franci. Grazie alla donazione dell’ateneo cinese all’università di Siena, anche l’istituto musicale della città ha ricevuto le mascherine chirurgiche da mettere a disposizione del personale, dei docenti e degli studenti. L’amministrazione comunale di Chianciano Terme ha deciso di distribuire gratuitamente mascherine protettive a tutti i nuclei familiari dei residenti nel territorio termale.

 

PERUGIA

 La Luisa Spagnoli ha effettuato una donazione di mascherine all’ospedale S. Maria della Misericordia di Perugia. L’azienda ha inoltre effettuato una donazione in denaro, che servirà all’acquisto di apparecchiature, secondo le necessità espresse dal personale medico sanitario, duramente impegnato in questa battaglia.

Maurzio Costanzo