Cinque per mille, ecco la top ten delle associazioni in Toscana

Le preferenze dei contribuenti premiano ancora la Fondazione Meyer, in costante crescita

Dichiarazione dei redditi
Dichiarazione dei redditi

Firenze, 27 aprile 2018 - Qual è la top ten degli enti e associazioni senza scopo di lucro della Toscana? Una risposta sul "gradimento" dei contribuenti la dà la classifica del 5 per mille che l'Agenzia delle entrate ha pubblicato in relazione all'anno 2016.

Rispetto all'anno scorso i nomi in classifica sono gli stessi, ma cambiano i rapporti di forza. Ecco la classifica.

  1. Fondazione ospedale pediatrico Meyer onlus. "L'ospedalino" di Firenze cresce ancora. La fondazione si conferma come l'anno scorso prima in Toscana e undicesima in Italia, ma aumenta la propria dotazione: in relazione al 2016 incassa 4 milioni 853.356 euro, vale a dire oltre 400mila euro in più dell'anno precedente. Merito anche della crescita dei contribuenti che hanno scelto il Meyer: erano 157.408, sono diventati 168.904. Una crescita continua.
  2. Associazione Dynamo Camp. La celebre associazione creata da Paul Newman gode di un interesse nazionale che porta molti contribuenti da tutta Italia a sceglierla. Ma Dynamo Camp va in quota Toscana perché la sede è a San Marcello Pistoiese, dove si trova anche il campo di terapia ricreativa che ospita bambini e ragazzi malati per periodi di svago e vacanza. Rispetto all'anno scorso fa un grande balzo in avanti e incassa circa 100mila euro in più. Bene per i bambini che qui trovano spazi e competenze per le cure delle quali necessitano. Il 5 per mille 2016 porta all'associazione 607.061 euro grazie alla scelta di 13.758 contribuenti.
  3. Associazione cure palliative di Livorno onlus. Un vero e proprio "caso", quello della onlus livornese nata 14 anni fa e capace di competere con le corazzate del settore. L'associazione organizza e finanzia l'assistenza domiciliare, promuove la conoscenza delle cure palliative e contribuisce con corsi, convegni e altro alla formazione del personale medico, infermieristico e dei volontari, allo scopo di migliorare la qualità dell'assistenza offerta ai malati alla fine della vita. In questa speciale classifica la onlus guadagna una posizione rispetto all'anno scorso e incassa anche un po' di più: stavolta sono 238mila euro, frutto di 8,293 scelte.
  4. Associazione Tumori Toscana. Sale di una posizione ma è più o meno stabile come entità dei fondi l'associazione benemerita che si occupa di assistenza domiciliare gratuita ai malati oncologici. L'Att incassa 226.355 euro grazie a 6.299 persone che l'hanno scelta come destinataria del 5 per mille.
  5. Associazione italiana Rett onlus. La sindrome di Rett è una malattia terribile: colpisce quasi solo le bambine, è una patologia neurologica "vigliacca", che si manifesta dopo alcuni anni di vita assolutamente normali. A un certo punto la bambina comincia a regredire nelle funzioni basilari, dalla parola alla deambulazione. Ma ci sono molte varianti della malattia. Questa associazione, con sede a Siena,  sostiene la ricerca e offre sostegno alle famiglie. Sale di due posizioni rispetto all'anno prima e incassa 219.562 euro con 6.549 scelte da parte dei contribuenti.
  6. Fondazione Stella Maris. L'istituto di ricovero, cura e riabilitazione viene attribuito dall'Agenzia delle entrate a San Miniato, ma è articolato fra la sede principale di Calambrone, Fauglia e La Scala di San Miniato. Rispetto all'anno prima scende un po' (di tre posizioni) ma rimane sopra i 200mila euro. Per la precisione incassa 213.854 euro grazie a 4.228 scelte.
  7. Calcit (Comitato autonomo per la lotta ai tumori). L'associazione che sostiene l'ospedale di Arezzo in materia oncologica oltre all'assistenza alle famiglie è un altro esempio virtuoso di realtà locale che riesce a calamitare grande attenzione. Rispetto all'anno fiscale 2015 il Calcit più o meno è stabile anche se in lievissima discesa: incassa 212.382 euro per 7.831 scelte.
  8. Progetto Agata Smeralda. Il progetto missionario Agata Smeralda, presente in quindici Paesi del mondo, si occupa di garantire alimentazione, protezione, istruzione e cure sanitarie ai bambini poveri. E' stabile all'ottavo posto da tempo ma incassa qualche migliaio di euro in più rispetto all'anno precedente: stavolta conta 169.085 euro grazie alla scelta di 3.606 contribuenti.
  9. Pubblica Assistenza Svs Livorno. La Svs si conferma come prima associazione di soccorso della Toscana in questa classifica. Rispetto all'anno prima incassa anche di più: 163.556 euro con ben 6.094 scelte.
  10. Università degli studi di Firenze. Decimo posto confermato anche quest'anno per l'Università di Firenze, che in questa classifica è l'unico ente che non appartiene al campo dell'assistenza o della ricerca socio-sanitaria. Incassa 129.059 euro grazie a 2.214 contribuenti.