Firenze celebra Folon . Il pittore, poeta e scultore . Avrebbe compiuto 90 anni

La Fondazione omonima ha lanciato col Comune un concorso fotografico per far conoscere le sue dodici opere distribuite sul territorio comunale.

Firenze celebra Folon . Il pittore, poeta e scultore . Avrebbe compiuto 90 anni

Firenze celebra Folon .

"Dove vive l’omino blu di Mr. Folon? Vive in un paesaggio denso di velature acquarellate, tra monti vaghi come fondali teatrali e deserti variopinti. È solo, disperatamente solo". Lo racconta così Andrea Rauch, grafico e designer internazionale, che ben conosceva l’opera del grande artista belga, scomparso nel 2005. A Firenze Jean-Michel Folon vive in molti luoghi, nel Giardino delle Rose al piazzale Michelangelo e nella rotonda davanti al Tuscany Hall. Ma soprattutto nel cuore dei fiorentini. Nato a Uccle il primo marzo 1934, oggi Folon avrebbe compiuto 90 anni. E Firenze festeggia idelamente il suo compleanno attraverso la fondazione che porta il suo nome, che insieme al Comune lancia un concorso fotografico.

A presentarlo è stata ieri a Palazzo Vecchio, l’assessora alla cultura della memoria Maria Federica Giuliani, insieme a Marilena Pasquali, storica dell’arte che rappresenta la Fondazione Folon di Bruxelles in Italia e Simone Sabatini, presidente del gruppo fotografico ‘Il Cupolone Aps’. Sono ben dodici le 12 opere presenti in città, che rendono Firenze è uno dei luoghi al mondo con la concentrazione maggiore della sua arte.

Il concorso fotografico ha l’obiettivo di far conoscere le opere dell’artista distribuite sul territorio comunale e di fotografarle nei loro aspetti più artistici. Il concorso (l’iscrizione è gratuita) è aperto a tutti gli amanti della fotografia e il tema scelto è “Folon: fra sogno e realtà“.

Le foto potranno essere inviate fino al 30 aprile secondo le modalità indicate nel regolamento reperibile sul sito del Comune.

"Folon ha amato Firenze e Firenze lo ha sempre ricambiato - ha sottolineato l’assessora Giuliani - la nostra città ospita un museo a cielo aperto nel Giardino delle Rose, con un nucleo significativo delle sue iconiche opere, sculture da sogno che si affacciano sulla nostra città. Ben nove si trovano al Giardino delle Rose diventato ormai da anni un parco d’artista fiabesco molto amato. Per questo insieme alla Fondazione che porta il suo nome e con il gruppo fotografico ‘Il Cupolone’, abbiamo voluto celebrare il 90° compleanno del Maestro lanciando quest’iniziativa, per onorare il suo talento, lui così sognatore e perennemente in viaggio". Marilena Pasquali ha ricordato che Folon adorava l’Italia e che aveva con Firenze un rapporto speciale, come dimostrò la grande mostra del 2005 al Forte Belvedere, poco prima della sua morte.

"La nostra intenzione è cercare di realizzare buone fotografie che rimangano per sempre - ha aggiunto il presidente Sabatini -. Da qui l’idea del concorso e di stampare le foto: la fotografia è stampa, non è solo social e condivisione". Fil rouge delle iniziative sono le parole dello stesso Folon: "Io sogno di trovare un giorno in Toscana, un luogo, con un giardino, con una bella casa tranquilla, dove poter lasciare tutte queste opere perché esistano anche dopo di me".

A seguito di questo desiderio, e per volontà della vedova Paola Ghiringhelli, dopo la mostra a Forte Belvedere sono state donate al Comune di Firenze 10 sculture in bronzo e 2 gessi. Nove sono esposte nel meraviglioso Giardino delle Rose nel viale Poggi. La statua in bronzo “Walking” (2003) è collocata nel cortile di Palazzo Strozzi Sacrati, sede della Regione. Su lungarno Aldo Moro c’è la sua fontana bronzea “Pluie – Pioggia”, alta tre metri donata a seguito del Social Forum del 2003. L’opera “L’uomo della Pace” è stata acquistata dal Rotary Club e poi donata al Comune di Firenze e fu collocata nel 2005 in piazza Bambini e Bambine di Beslan.