Carloni (dir On The Move), Basanieri (Sindaco Cortona), Rinaldo (dir artistica)
Carloni (dir On The Move), Basanieri (Sindaco Cortona), Rinaldo (dir artistica)

Cortona, 13 luglio 2018 - Attualità e innovazione. Il Cortona On The Move corre lungo queste due direttive e si presenta al pubblico con un parterre di artisti internazionali degni di nota che portano il visitatore nei meandri della fotografia documentaristica contemporanea che conta.

L’occhio della direttrice artistica Arianna Rinaldo ha voluto portare nel cuore della città etrusca soprattutto foto documentariste donne. “E’ stata una scelta istintiva e poi sempre più consapevole – spiega la Rinaldo – in base agli eventi che abbiamo vissuto a livello globale economico politico e sociale in questo ultimo anno. A On The Move arrivano donne professioniste, donne che girano il mondo, che lavorano sia dal punto di vista artistico che dal punto di vista proprio del giornalismo e del lavoro sul campo”.

Temi importanti e di impatto sociale quelli proposti. La storia delle donne siriane rifugiate, le donne nepalesi costrette all’esilio nel periodo mestruale e soggette ad ogni forma di abuso, ma anche il capitolo oscuro di Gauntanamo, il rapporto con le armi nucleari, l’emancipazione femminile nei due millenni, le paure e le ossessioni dell'americano del XXI secolo fino alle speranze e ai sogni dei giovani partendo dalle esperienze delle primavere arabe che ha l'obiettivo di diventare una testimonianza dei tempi correnti.

“Sul piano dell’innovazione il festival ha diverse facce”, spiega ancora la direttrice artistica. “Da una parte ci interessa seguire lo sviluppo e l’evoluzione del linguaggio fotografico attraverso sia lo sguardo di maestri che di fotografi emergenti. Un linguaggio fotografico che va adattato a menti nuove, in un mondo sempre più veloce aperto ad pubblico molto ampio.  Dall’altra vogliamo sperimentare nuovi percorsi. Ecco perché abbiamo voluto dare vita ad una sezione nuova Arena- Video and Beyond dedicato a video sperimentali, installazioni e opere transmediali, realizzate da fotografi che lavorano tra fotografia, film e tecnologia”.

Ben 25 le mostre di quest’anno composte da oltre 500 foto dislocate negli angoli più suggestivi con nuove location che promettono di appassionare il pubblico come quela di via Roma all’interno di Palazzo Capannelli o quella di Palazzo venuti in via Nazionale che ospita la nuova sezione transmediale o ancora l’orto delle Carceri, luogo quasi dimenticato dai cortonesi che torna ad essere visitabile.

Il festival Cortona On The Move nei suoi due mesi e mezzo di permanenza in città (fino al 30 settembre), porta a Cortona ogni anno tantissimi amanti della fotografia d’autore con una media che negli ultimi anni tocca sempre le ore 30 mila presenze complessive.

“Cortona On The Move rappresenta uno dei tasselli fondamentali del modello vincente organizzativo e progettuale sul quale vogliamo rafforzare il brand Cortona - ha commentato il Sindaco Basanieri -  e a questo festival rinnovo con entusiasmo tutto l’affetto e la nostra vicinanza”.

Il weekend inaugurale prosegue a ritmo serrato. Dopo il taglio del nastro di ieri prosegue oggi con letture portfolio, visite guidate alle mostre con gli autori, proiezioni e talk all’interno di Palazzo Ferretti. Questa sera alle 20,30 festa in Fortezza con aperitivo e dj set. Sabato ancora letture potfolio, talk e proiezioni (tra cui quella con Lars Boering Direttore Generale World Press Photo e Gigi Riva giornalista e scrittore dell’Espresso che discuteranno di quanto la fotografia sia l’alfabeto dell’informazione di oggi). E ancora party a Palazzo Casali dalle ore 22,30.