Zona Giotto, non c’è solo la piazza: "I nuovi parcheggi saranno gratis". Il piano per liberare la zona dalle auto

"Nessun posto sarà sacrificato dopo i lavori" afferma Casi che annuncia le due aree di sosta in via Tiziano e nell’area verde di via Lorenzetti dove c’era lo stand di frutta e verdura "Biscotto".

Zona Giotto, non c’è solo la piazza: "I nuovi parcheggi saranno gratis". Il piano per liberare la zona dalle auto

Zona Giotto, non c’è solo la piazza: "I nuovi parcheggi saranno gratis". Il piano per liberare la zona dalle auto

Una nuova piazza tirata a lucido. Ieri al Giotto, tra i banchini del mercato della Coldiretti, un caffè e un’occhiata al giornale, non si parlava di altro.

Ma si sa, agli aretini, che qualcuno definì botoli ringhiosi, piace cercare l’ago nel pagliaio. E così, dopo qualche domanda rivolta ai più informati in merito al progetto e qualche scambio di idee, è presto venuta fuori la domanda delle domande.

Quella che attanaglia tutti i residenti del Giotto: "Ma i parcheggi?". Ebbene, durante la riunione di martedì sera nei locali della parrocchia, l’assessore Casi ha voluto precisare che nessun parcheggio verrà sacrificato per la riqualificazione della piazza. Tutto rimarrà così.

"Anche il cantiere, che partirà tra aprile e maggio e proseguirà per sette mesi, non dovrebbe andare ad occupare parcheggi, se non in rari momenti per evidenti esigenze di intervento" ha spiegato. Alla sua affermazione c’è stato un sospiro di sollievo generale. Ecco, data questa informazione, ci sono altre due aree intorno alle quali veleggia il tema parcheggi. La prima, la più recente, quella a ridosso del piccolo parco pubblico tra via Lorenzetti e via Ristoro.

Lì dove una volta c’era il negozietto di frutta e verdura "Biscotto" e che dopo diversi anni di segnalazioni è stata ripulita dall’immondizia nelle baracche abbandonate.

Ultimamente, per non farci mancare nulla, ciò che rimaneva di una vecchia attività di vendita ortofrutta era anche diventata rifugio per la notte. Insomma, l’area da tempo si era trasformata in una discarica a cielo aperto. Ebbene, la zona è stata ripulita; Sei Toscana, appena i rifiuti saranno adeguatamente smistati dal proprietario, provvederà al ritiro. "A quel punto faremo una semplice delimitazione dell’area per dare un indirizzo di parcheggio. Un parcheggio che sarà senza parcometro".

Affossate dunque le voci di un’area a pagamento, quindi. Anche questo tema che girava nella famosa piazza. "Nessun parcheggio al Giotto lo sarà" ha continuato Casi. Esattamente come per l’altra zona messa sotto attenzione: via Tiziano, di cui parliamo nel pezzo accanto.

L’area verde di proprietà privata di fronte ai portici dove ci sono alcune attività commerciali e la sede di Confartigianato è in abbandono. Il Comune punta ad acquisirla: nei giorni di mercato sarebbe una valvola di sfogo per le tante auto che cercano parcheggio in zona.