Via Lauretana tra lavori e disagi. I commercianti alzano la voce: "Perdite ingenti per mesi"

Le associazioni di categoria di nuovo in campo per sostenere i negozianti di Camucia "Questo periodo di spostamento è stato un bagno di sangue". Chiesto un altro incontro.

Via Lauretana tra lavori e disagi. I commercianti alzano la voce: "Perdite ingenti per mesi"

Via Lauretana tra lavori e disagi. I commercianti alzano la voce: "Perdite ingenti per mesi"

di Laura Lucente

Aumentano polemiche e disagi tra ambulanti e commercianti a per la gestione della realizzazione dei lavori di via Lauretana. A renderli noti i rappresentanti di Confesercenti e Confcommercio del territorio che hanno incontrato gli operatori in una riunione. Sono in partenza gli interventi che riguarderanno la parte alta dell’arteria. Due le questioni: la prima è dovuta alla carenza di informazioni precise sull’organizzazione del cantiere, se e quanto la strada dovrà essere completamente chiusa al traffico. La seconda è legata agli stalli di sosta degli ambulanti del mercato, che alla luce degli interventi già fatti, hanno scoperto di modifiche sostanziali ai loro posteggi.

"Non sindachiamo i lavori, ma ribadiamo che non c’è stato sufficiente coordinamento e ora i nodi vengono al pettine", commentano Carlo Umberto Salvicchi di Confcommercio e Lucio Gori di Confesercenti (nella foto). I negozianti che insistono sulla parte alta dell’arteria hanno scritto al sindaco, chiedendo in particolare di garantire che il cantiere consenta anche il transito veicolare, oltre quello pedonale, per non subire nei prossimi mesi ulteriori danni economici. Per gli ambulanti del mercato settimanale, invece, i problemi sono di doppia natura. "Lo avevamo raccontato già un mese dopo l’inizio del cantiere", confermano ancora Gori e Salvicchi.

"Questi quattro mesi di spostamento sono stati un bagno di sangue in particolare il settore alimentare spostato in via XXIV Maggio hanno auto perdite ingenti tra il 30 ed il 60%. Critiche e polemiche destinate ad aumentare già da giovedì quando gli operatori del tratto basso di via Lauretana avrebbero dovuto far ritorno nei loro posteggi acquistati o affittati, ma hanno avuto notizie di modifiche sostanziali, con lati di vendita completamente variati, dimensioni tutte da verificare, perdita di valore commerciale delle loro attività. Timori che sono condivisi anche dai titolari dei posteggi nella parte alta di via Lauretana, che per tre mesi, così gli è stato comunicato, troveranno posto in altre parti del mercato, ma si interrogano se e come potranno tornare nei loro posteggi". Le associazioni tornano a chiedere con urgenza un incontro già da svolgersi giovedì prossimo al mercato sul cantiere.