GAIA PAPI
Cronaca

Valdarno, entra nel vivo il potenziamento dell’urologia della Gruccia

Il dottor Stefano Rosadi è il nuovo direttore della Uosd

Team urologia

Team urologia

Arezzo, 16 ottobre 2023 – Da questo mese è a regime il potenziamento del reparto di urologia dell’ospedale “La Gruccia” con l’aumento dell’attività chirurgica e delle prestazioni ambulatoriali, affiancato da nuove metodiche e nuove strumentazioni.

Sono stati inoltre introdotti nuovi servizi come l’ambulatorio del pavimento pelvico per l’esecuzione delle visite uro- ginecologiche (per diagnosi e trattamento dell’incontinenza urinaria femminile, prolasso degli organi pelvici ed infezioni delle vie urinarie) ed il centro di Neuro- urologia che prevede attività ambulatoriali di II livello e di mini- chirurgia di alta specialità nell’ambito dell’urologia funzionale e della neuro- urologia dedicato a soggetti con disabilità, disfunzioni pelvi- perineali, vesciche neurologiche e disturbi del neuro- sviluppo (es. disturbi dello spettro autistico).

È inoltre previsto un percorso per il trattamento delle infezioni delle vie urinarie/ cistite interstiziale e saranno introdotti nuovi trattamenti per l’incontinenza/ ritenzione urinaria mediante l’infiltrazione con tossina botulinica e l’impianto del neuromodulatore sacrale.

A svolgere le funzioni di direttore della U.O.S.D è il dr Stefano Rosadi vincitore di selezione pubblica già coordinatore ad interim incaricato dal direttore del Dipartimento delle chirurgie specialistiche della Asl Toscana Sud- Est, dr Michele De Angelis.

Una riorganizzazione che ha l’obiettivo di allargare e capillarizzare l’offerta urologica sul territorio del Valdarno garantendo il rispetto dei tempi di attesa per le visite e per le attività specialistiche e consentire l’aumento dell’attività chirurgica.

Il reparto di Urologia del Valdarno è stato pertanto dotato di due ulteriori urologi che da 4 passano a 6 e che sono sotto la gestione della UOSD del dott. Stefano Rosadi. Non solo implementazione delle risorse umane, ma anche nuove strumentazioni.

È già stata acquistata una nuova apparecchiatura di urodinamica/ videourodinamica (attività di esecuzione delle uroflussometrie e degli esami urodinamici già attiva) e sarà presto installato un nuovo laser a tullio per gli interventi chirurgici di più innovativi per le patologie prostatiche benigne.