Un omaggio ai Cammini di Francesco

La prima edizione del concorso di pittura "Un Tau per le Vie di Francesco" ha riscosso grande apprezzamento per il numero e la qualità delle opere esposte. Un omaggio al Santo di Assisi, che ha inventato il presepe a Greccio. La mostra rimarrà aperta sino al 6 gennaio.

Un omaggio ai Cammini di Francesco
Un omaggio ai Cammini di Francesco

SANSEPOLCRO

Grande apprezzamento sta riscuotendo la prima edizione del concorso di pittura "Un Tau per le Vie di Francesco" per il numero e la qualità delle opere esposte. Un omaggio ai Cammini di Francesco, che vede artefice l’Accademia Enogastronomica della Valtiberina in collaborazione con la Compagnia Artisti di Sansepolcro; nell’antico convento di Santa Maria dei Servi, sede della mostra di arte presepiale, pernotta il 90 per cento dei pellegrini che percorrono questo itinerario verso Assisi. Il concorso ha inteso stimolare le tradizioni e le potenzialità del territorio percorso da San Francesco di Assisi. Il Santo di Assisi è stato colui che ha inventato il presepe a Greccio, un paesino dell’appenino laziale in provincia di Rieti tre anni prima della sua morte, il 25 dicembre 1223. Grande entusiasmo da parte di Michele Foni (nella foto), presidente della Compagnia Artisti Sansepolcro: "Quando mi è stato proposto questo progetto, mi sono subito proposto, per la stima che nutro nei confronti degli organizzatori della mostra di arte presepiale che in pochi anni hanno realizzato un evento di grande spessore e per il fatto che nel periodo natalizio ci sarà un forte profumo di arte e cultura. Questa mostra tematica infatti si aggiunge alla Collettiva di Arte Varia che si tiene ormai dal lontano 1996".

Soddisfazione degli organizzatori per il fatto che questa mostra di pittura sia cosi apprezzata, perché premia il lavoro e la bravura di tanti artisti che hanno voluto presentare le loro opere. La mostra di arte presepiale di Sansepolcro rimarrà aperta sino al 6 gennaio. Le opere, una volta terminato il concorso, saranno esposte, in maniera permanente, all’interno del Museo di Arti e Mestieri.