Stretta sulla movida. Controlli potenziati: denunce e patenti ritirate

Dopo le coltellate in centro e l’allarme lanciato dal sindaco ecco il primo blitz. Le verifiche verranno estese durante i fine settimana e ai margini degli eventi.

Stretta sulla movida. Controlli potenziati: denunce e patenti ritirate

Stretta sulla movida. Controlli potenziati: denunce e patenti ritirate

di Claudio Roselli

Una sorta di "task force" fra le forze dell’ordine per il controllo costante dei territori di confine che fanno capo a Città di Castello e a , specie per ciò che riguarda uno dei fenomeni più frequenti dei fine settimana: la guida in stato di ebbrezza. Nell’ultimo fine settimana sono stati controllati 21 veicoli e 32 conducenti e in alcuni casi è stato necessario l’ausilio dell’etilometro. Ai danni di due automobilisti è scattata la denuncia, con conseguente ritiro della patente, poiché sorpresi a guidare con un tasso alcolemico superiore al limite consentito. Un altro conducente, al volante con un valore inferiore agli 0,8 gl, è stato multato. Sanzionato anche un guidatore alla guida di un veicolo non revisionato. Un giovane era evidentemente ubriaco e ha insultato e minacciato gli agenti. Dopo aver verificato le sue condizioni di salute con i sanitari del 118, il 21enne è stato denunciato. I dispositivi di controllo straordinario proseguiranno anche nei prossimi week-end.

Dunque, sintonia operativa fra tutto il personale in divisa: a , da oramai un mese, il presidio si è intensificato dopo l’ok da parte di Prefettura e Questura alla richiesta del sindaco Fabrizio Innocenti. Carabinieri, commissariato di Polizia, Guardia di Finanza e Polizia Municipale hanno garantito la propria presenza in occasione delle serate della cosiddetta "movida", che in genere sono quelle del venerdì, anche se nell’ultimo week-end le disposizioni sono state applicate il sabato, poiché in una nota discoteca della città biturgense era in corso di svolgimento la festa organizzata da una scuola, per cui c’erano giovani provenienti da più parti del comprensorio.

L’azione preventiva ha dato i suoi frutti: nessun tipo di problema, così come nei locali pubblici più frequentati o nei luoghi in di aggregazione più in generale, dove spesso si tende ad alzare il gomito e magari basta un bicchiere in più di vino o di liquore per dare origine a liti o risse. In base pertanto alle necessità contingenti, queste operazioni di controllo potranno subire una variazione di data, prediligendo la serata nella quale maggiore può essere il movimento. Ricordiamo che nel primo venerdì di entrata in vigore dei controlli più intensificati, erano state fermate persone sorprese con un tasso alcolemico sopra il consentito, poi i casi sono diminuiti fin quasi a scomparire.