Amedeo di Savoia Aosta
Amedeo di Savoia Aosta

Arezzo, 28 maggio 2018 - Ci fosse stato lui al Quirinale, come pure accadeva per i suoi antenati, adesso Paolo Savona sarebbe ministro dell’economia e non saremmo di fronte a una crisi che ricomincia punto e a capo. Sì, ha le idee chiare Amedeo d’Aosta (anzi, «di Savoia», come dice lui) quando di domenica mattina alza il telefono e chiama La Nazione, il quotidiano che il Duca ha sempre detto essere un punto di riferimento per lui: «Dipendesse da me - spiega secco - io Savona lo nominerei subito».

Ohibò, che anche un rampollo di famiglia reale si sia convertito al populismo grillin-leghista? «Niente di più sbagliato - replica lui - non ho votato nè per la Lega nè per i Cinque Stelle. Ma mi pare giusto che adesso governino con gli uomini che si scelgono. Le elezioni le hanno vinte loro, per me è un problema di democrazia».

Ma come la mettiamo con le posizioni eterodosse di Savona che per Mattarella scatenerebbero una reazione degli altri paesi della Ue? «Non c’entra. Chi vince decide gli uomini che saranno al potere. Se no che si fanno a fare le elezioni?».

Amedeo si ferma qui. E’ una delle sue rarissime incursioni nel terreno politico-istituzionale dal quale si è sempre tenuto alla larga. Solo qualche volta, ai tempi della prima repubblica, si fece il suo nome come quello di un possibile candidato alle elezioni per i partiti di centro alleati della Dc. Non il partito repubblicano, ovviamente, che forse sarebbe stato un controsenso per uno che dopo tutto monarchico deve esserlo per definizione. Ma è appunto una delle poche eccezioni di un personaggio che di politica attiva non si è mai interessato.

Di lui semmai si è parlato per la contesa su chi sia il vero capo della casa reale e quindi il pretendente al trono. Ma nella spaccatura verticale col cugino Vittorio Emanuele lui ha sempre saggiamente detto che «prima bisognerebbe ci fosse un trono cui aspirare». Per il resto, il duca continua a dividersi fra la casa di Meliciano e Pantelleria, soddisfatto semmai di aver vinto finalmente la causa sul cognome Savoia con Vittorio Emanuele e il figlio.