Le svolta nelle indagini. Reato senza precedenti

I fatti risalgono a dicembre e gennaio. L’uomo sotto accusa era incensurato

Le svolta nelle indagini. Reato senza precedenti
Le svolta nelle indagini. Reato senza precedenti

Non si fermano gli episodi di violenza e molestie sulle donne. Solo tre giorni fa avevamo raccontato la storia di un ex violento che aveva fratturato alla sua compagna il setto nasale e alcune costole. La feroce aggressione era avvenuta la notte dell’ultimo dell’anno. In seguito alle botte, la donna era stata ricoverata per dieci giorni all’ospedale San Donato di Arezzo. Un comportamento violento che poi è stato accertato, si ripeteva da tempo. Per questo motivo è stato applicato per la prima volta il braccialetto antistalking ad Arezzo ad un uomo di trentasette anni. Così ha disposto il Gip del tribunale di Arezzo dopo l’indagine che ha permesso di mettere un freno ai comportamenti di un uomo geloso. Oggi invece raccontiamo di un molestatore seriale fermato dai Carabinieri e messo agli arresti domiciliari per aver ripetutamente palpeggiato, sei studentesse minorenni che prendono il bus per andare e tornare da scuola. Le indagini sono partite dalla denuncia delle ragazzine. Così è stato possibile individuare l’uomo che, a seguito di un predisposto servizio, anche in borghese, è stato bloccato dalle forze dell’ordine e identificato al capolinea della linea extraurbana di autobus utilizzata quotidianamente per recarsi ad Arezzo.

L’uomo, incensurato e residente in provincia di Arezzo, vive in Italia da diversi anni. Il molestatore seriale è stato poi sottoposto agli arresti domiciliari presso l’attuale residenza in attesa dell’udienza di convalida da parte del Gip del Tribunale di Arezzo. Le indagini dei carabinieri vanno avanti per cercare di capire se ci sono stati altri casi di molestie sessuali da parte dell’indagato.