La storica azienda cambia proprietà. La nuova vita del Tacchificio Pienne

La lombarda Tre Zeta, azienda leader nel comparto, controlla il 100% della ditta nata in Valdarno nel 1966

La storica azienda  cambia proprietà. La nuova vita del Tacchificio Pienne

La storica azienda cambia proprietà. La nuova vita del Tacchificio Pienne

di Maria Rosa Di Termine

Entra a far parte di una realtà di primo piano del panorama della moda il Tacchificio Pienne , storica azienda specializzata nella produzione di tacchi, zeppe, plateau e accessori per calzature formali da donna. Ad acquisirla la Tre Zeta Group di San Donato di San Miniato di Pisa, leader nel comparto che realizza suole per scarpe di lusso, e l’operazione rientra nel piano industriale di sviluppo avviato nel 2021 con l’ingresso nella società pisana di Koinos Capital completando così il presidio della filiera della calzatura formale. E del resto la ditta montevarchina è un valore aggiunto per il gruppo grazie alle competenze raggiunte in quasi 60 anni di vita.

Fondata nel 1966 da Duilio Palazzini e Sira Nassini, che già quattro anni prima aveva iniziato l’attività in un laboratorio, ha unito nel tempo la maestria artigiana alla tecnologia diventando fornitore dei più prestigiosi marchi del fashion. Un percorso reso possibile anche da un ricambio generazionale favorito dalla voglia di fare impresa di un’intera famiglia che guarda al futuro accettandone le sfide.

Non a caso alle soglie dei vent’ anni dalla fondazione sono entrati nella compagine aziendale i figli Antonella, Mauro e Massimo Palazzini, insieme a Roberta Nistri e Raffaella Colò, irrobustendo una filosofia societaria basata su prodotti all’insegna di un made in Italy certificato dall’utilizzo di materie prime nazionali. Altri cardini l’innovazione e la sostenibilità nelle lavorazioni, fattori vincenti anche per l’occupazione visto che ad oggi Pienne dà lavoro a 30 persone e ha chiuso il 2022 fatturando circa 8 milioni di euro con un tasso di crescita annuale tra il 2019 e il 2022 del 16 per cento.

"Abbiamo trovato in Tre Zeta un partner con cui condividiamo una visione strategica di lungo periodo – ha commentato Massimo Palazzini del Pienne – orientata alla qualità e all’innovazione, e con cui siamo certi che riusciremo a collaborare per crescere ulteriormente, portando all’interno del gruppo la nostra lunga e riconosciuta esperienza, Insieme, integrando prodotti e know-how potremo creare sinergie importanti a beneficio di tutti".

Fabrizio Mecheri, ceo di Tre Zeta Group, ha ricordato la portata dell’intesa per chiudere il cerchio della filiera di competenza. Il nuovo passo dell’industria del pisano, infatti, sarà l’inaugurazione di un reparto modelleria nella sede di Montelupo Fiorentino, per tutte le produzioni relative a suola, tacco e soletta. Infine Marco Morgese, founding partner di Koinos Capital, ha definito l’acquisizione un ottimo segnale: "Conferma la nostra visione del desiderio che tanti imprenditori hanno di entrare a far parte di un progetto industriale ambizioso e solido".