Isis Valdarno adottato da Prada. Lezioni di moda dopo il crollo

L’iniziativa di Altagamma per valorizzare la formazione e la manifattura, coinvolto anche il Marconi

Isis Valdarno adottato da Prada. Lezioni di moda dopo il crollo

Gli studenti dell’Isis Valdarno adottati da Prada grazie al progetto di Altagamma

di Marco Corsi

SAN GIOVANNI

Il gruppo Prada, uno dei più importanti al mondo nel campo della moda, ha "scelto" gli studenti dell’Isis Valdarno di San Giovanni per partecipare al progetto "Adotta una Scuola", giunto alla sua terza edizione e nato su iniziativa della Fondazione Altagamma, che dal 1992 riunisce le imprese dell’alta industria culturale e creativa italiana, riconosciute come autentiche ambasciatrici dello stile italiano nel mondo. All’interno del plesso valdarnese c’è il Professionale Moda, Industria e Artigianato per il Made in Italy, che fa parte dell’IP Marconi. Gli studenti, attualmente, svolgono le lezioni all’interno del Centro Pastorale Guido Guerra di Montevarchi, in attesa che aule dell’edificio di San Giovanni vengano messe in sicurezza dopo il crollo che si è verificato lo scorso mese di settembre. Tra le materie di insegnamento di questo indirizzo figurano tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica, laboratorio tecnologico ed esercitazioni, tecnologie e applicazioni ai processi produttivi e tecniche di distribuzione e marketing. L’iniziativa che coinvolge anche Prada punta a valorizzare la formazione e la manifattura del Made in Italy d’eccellenza, costruendo un rapporto virtuoso tra scuole tecnico-professionali e aziende del lusso italiano. Il progetto è realizzato in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e del Merito. "Adotta una scuola" crea percorsi di formazione personalizzati e collaborativi fra scuole e imprese, che riducono il divario tra domanda e offerta di profili tecnici e professionali. Il tutto grazie a programmi didattici in linea con le esigenze delle aziende di alta gamma. Le attività si estendono dalla macro-progettazione dell’anno scolastico, come definizione dei contenuti e delle modalità formative, alla micro-progettazione: tutorship, predisposizione dei materiali didattici, visite aziendali, lezioni in classe da parte di tecnici ed esperti delle imprese, sessioni di laboratorio, stage, field project, fornitura di materiali per la produzione dei beni, formazione dei docenti.

"Il saper fare manifatturiero è al cuore dell’eccellenza del Made in Italy ed è un patrimonio di competenze da tutelare, promuovere e tramandare alle future generazioni – ha detto Matteo Lunelli, presidente di Altagamma - Con questa iniziativa intendiamo dare un messaggio forte alle famiglie, affinché considerino anche questi percorsi professionali. Vogliamo avvicinare il mondo della scuola e delle imprese, creando un legame più solido con gli istituti di riferimento supportandoli attraverso le competenze dei nostri soci".