Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
5 ago 2022

Google in cattedra a scuola E’ il primo caso in Italia

All’Artistico il centro di innovazione, una "palestra" digitale per prof e studenti. Idea del provveditorato, risorse del consiglio regionale: aperto a tutti gli istituti

5 ago 2022
al
Cronaca
Un Google Innovation Center per la prima volta in una scuola
Un Google Innovation Center per la prima volta in una scuola
Un Google Innovation Center per la prima volta in una scuola
Un Google Innovation Center per la prima volta in una scuola
Un Google Innovation Center per la prima volta in una scuola
Un Google Innovation Center per la prima volta in una scuola

di Alberto Pierini AREZZO Si è accesa una lampadina. Idea? Sì ma già operativa. Una palestra digitale a scuola: in una scuola ma aperta a tutte le altre. Un ambiente ampio nel quale imparare le basi dell’informatica ma al tempo stesso le nuove tecnologie e gli strumenti proposti da Google. Il nome, impensabile il contrario, è inglese: si chiama "Google Innovation Center". E il primo sarà realizzato ad Arezzo. Il primo in Italia, apertura a settembre in una grande aula del Liceo Artistico. L’idea, la famosa lampadina, si è accesa in testa al provveditore Roberto Curtolo, nella sua veste di funzionario di punta dell’ufficio scolastico toscano. E la strada della realizzazione l’ha trovata a braccetto con il consiglio regionale. Il parlamentino dell’ex Granducato ha stanziato centomila euro per sei progetti innovativi. E ben 25 mila saranno destinati proprio alla nuova creatura. Saranno, anzi sono: perché l’apertura, dicevamo, coincide di massima con l’inizio delle lezioni, che da noi è in calendario per il 15 settembre. Google è la piattaforma cosiddetta "educational" più diffusa nelle scuole: alle spalle un accordo tra il ministero dell’istruzione e l’azienda. Obiettivo? Promuovere le competenze digitali di studenti e docenti. E’ uno dei filoni (poteva mancare?) del Pnrr, l’incentivo all’innovazione. Per questo le risorse sono saltate fuori subito. Per questo avrà una pelle anomala perfino a scuola. Ha una sede fisica al Pier della Francesca ma sarà al servizio di tutti gli istituti. In prima battuta gli insegnanti, per l’aggiornamento mai avuto in passato. Ma a ruota gli studenti. Corsi che proprio per questo saranno pomeridiani e serali, non dovendo escludere nessuno e non dovendosi incrociare con il mondo delle aule. "Sarà un vero e proprio spazio didattico ma non nostro: diciamo una costola del Liceo a disposizione di tutti" commenta il preside Luciano Tagliaferri. Che ha già deciso dove piazzarlo. Sarà una ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?