Romizi e Caneschi
Romizi e Caneschi

Arezzo, 11 gennaio 2019 - "Abbiamo pattinato con le scarpe e con le ruote delle automobili. Abbiamo rischiato nel muoverci, anche semplicemente a piedi, in una città trasformata in pista di pattinaggio" così i consiglieri comunali Alessandro Caneschi (Pd) e Francesco Romizi (Arezzo In Comune).

"Gli aretini hanno potuto finalmente riconoscersi in un terreno comune. Peccato che questo fosse ghiacciato. E non osiamo immaginare la condizione delle strade più periferiche o delle frazioni, specialmente quelle del territorio comunale che lambiscono la Valdichiana e la Val Cerfone. Un’altra uniformità l’abbiamo poi riscontrata nella totale assenza di interventi. Vicesindaco Gamurrini, anche spargere semplicemente del sale nei marciapiedi o sull’asfalto fa parte della manutenzione, di quel settore di sua competenza i cui dati strabilianti ci vengono propinati a ogni Consiglio Comunale".

"Nessuno ha visto interventi precauzionali o di miglioria, Gamurrini ha confidato nel clima e nel pallido sole che togliesse qualche brivido di dosso e facesse sparire lo strato di ghiaccio. Peccato che in molti ci avessero già rimesso per i danni ai veicoli causati da incidenti. La mattinata ha dimostrato di che pasta è fatta questa amministrazione. E a proposito di pasta e di amministrazione, forse il vicesindaco il sale lo ha terminato nel vano tentativo di rendere il piatto meno insipido".