Salvatore Florio morto nell'incidente
Salvatore Florio morto nell'incidente

Arezzo, 15 agosto 2017 - E' sopravvissuto al primo incidente, il secondo gli è stato fatale. In pochi secondi Salvatore Florio, un cinquantenne cortonese residente a Camucia, si è alzato dalla sua maccchina e subito dopo è stato travolto da altre due.

Erano da poco passate le 21 quando nei pressi dell’ uscita per Bettolle, nella corsia di marcia direzione Siena, ha sbandato violentemente (forse un colpo di sonno, forse un malore) andando a finire la corsa addosso allo spartitraffico in cemento che divide le 4 corsie del raccordo autostradale Bettolle - Siena. Con tanto di rottura di due gomme.

Da qui in poi la tragica successione degli eventi, anche se per ora è solo una prima ricostruzione fatta dai carabinieri. Ritrovatosi in un’auto ormai distrutta, Florio è uscito quasi indenne dal violento urto, ha abbandonato la propria auto ed è stato travolto nelle corsie opposte in direzione Perugia da due autovetture provenienti da Siena, probabilmente dopo che l’uomo aveva scavalcato il guard- rail.

Forse frastornato, ha probabilmente infilato la via di fuga sbagliata e fatale. Un impatto violento che stante l’ora e l’oscurità ormai calata ha reso praticamente invisibile la sagoma dell’uomo.  Sul posto la radiomobile del carabinieri di Montepulciano coadiuvata dai carabinieri del comando stazione di Bettolle e di Sinalunga e dalla polizia stradale. La salma è stata successivamente trasportata all’obitorio dell’ ospedale di Nottola.

Intanto la notizia rimbalzava a Camucia, dove Florio viveva insieme alla sua famiglia: una moglie e due figli. E a Camucia vive anche la sorella. Salvatore era stimato e apprezzato nel paese: originario di Caserta, lavorava alla Omat, un’azienda di Terontola specializzata nel noleggio e nella commercializzazioone di furgoni e mezzi da lavoro. Il funeralee sarà celebrato a Caserta nei prossimi giorni.