LAURA LUCENTE
Cronaca

Elezioni, il Pd apre alle primarie. È l’alternativa al candidato unico: "Vignini? Non c’è convergenza"

Il segretario comunale del Pd di Cortona Luca Bianchi lo annuncia durante la campagna di ascolto "L’ex sindaco? Resta una risorsa". Tra i papabili del centrosinistra i consiglieri Bigliazzi e Cavallucci.

Elezioni, il Pd apre alle primarie. È l’alternativa al candidato unico: "Vignini? Non c’è convergenza"

Elezioni, il Pd apre alle primarie. È l’alternativa al candidato unico: "Vignini? Non c’è convergenza"

"Anche il partito democratico di Cortona porterà sul tavolo degli alleati un nome da spendere come candidato a sindaco. Auspichiamo che ci sia convergenza su un nome unitario già ad un incontro allargato a tutte le forze di centro sinistra. Se così non fosse useremo gli strumenti che la democrazia ci consegna, compreso quello delle primarie". È Luca Bianchi segretario comunale del Pd di Cortona ad annunciare questa novità a margine dell’avvio della campagna di ascolto sul territorio che si è avviata oggi a Tavarnelle e che per un mese intero toccherà le principali frazioni del comune, in vista delle prossime amministrative di giugno 2024. Nessun nome ufficiale per il momento all’orizzonte del pd cortonese, anche se la rosa, secondo indiscrezioni, si potrebbe restringere tra gli attuali consiglieri comunali, in particolare Vanessa Bigliazzi e Diego Cavallucci o sullo stesso segretario Bianchi. Unica certezza del momento: è lontana la convergenza sull’unico candidato di centrosinistra uscito allo scoperto, ovvero l’ex sindaco Andrea Vignini. Bianchi non nega che Vignini sia "una personalità e una risorsa del centrosinistra, e che "ben vengano le persone competenti come proposte per questa candidatura", ma non vuole andare oltre.

Le primarie, dunque, tra le fila del centro sinistra, sembrano un’opzione più che probabile. "Il tempo scorre e gli alleati ci chiedono di decidere - conferma ancora Luca Bianchi – lo faremo a breve proponendo un nostro nome e auspichiamo e immaginiamo sia valutato insieme a quello già in campo. Per noi il punto imprescindibile è quello di cercare l’unità del centro sinistra.

Non vogliamo fermarci ad una giusta ed opportuna critica alla inconsistente e litigiosa maggioranza di centro destra, bensì intendiamo proporci con progetti credibili e realizzabili, per dimostrarci all’altezza di una alternativa che appare assolutamente necessaria. Siamo consapevoli che non possiamo farlo da soli. Ci sono altre forze che auspichiamo possano fare il percorso con noi". Intanto il Pd sceglie di incontrare i cittadini. I prossimi appuntamenti sono in programma giovedì alla sala civica di Camucia e venerdì alla sala civica della Fratta sempre con inizio alle 21,15.