Diari di Pieve, entra la Regione. Sostegno da 100 mila euro: l’ex asilo ospiterà l’archivio

Albano Bragagni, nella sua veste di presidente manifesta soddisfazione per questo ingresso. Questo passaggio servirà a sbloccare i fondi del Ministero che serviranno per ridare vita alla sede.

Diari di Pieve, entra la Regione. Sostegno da 100 mila euro: l’ex asilo ospiterà l’archivio
Diari di Pieve, entra la Regione. Sostegno da 100 mila euro: l’ex asilo ospiterà l’archivio

Buone nuove per Pieve Santo Stefano. Da gennaio oltre ai soldi che andranno alla Provincia di Arezzo per il primo stralcio dei lavori di ripristino della vecchia 3 bis, si è registrato anche l’ingresso ufficiale della Regione Toscana nella Fondazione Archivio Diaristico Nazionale con un sostegno finanziario di 100mila euro all’anno; nella stessa circostanza, poi, è stato messo "nero su bianco" all’accordo per la realizzazione della nuova sede nei locali dell’ex asilo Umberto I. "Un importante obiettivo andato a compimento, che è diventato presupposto per altri", ha commentato il sindaco Claudio Marcelli. A spiegare il tutto è l’ex primo cittadino e attuale consigliere comunale Albano Bragagni, nella sua veste di presidente dell’Archivio Diaristico: "L’ingresso della Regione all’interno della Fondazione significa anche lo sblocco dei fondi del Ministero che serviranno per ridare vita al Torrione e di conseguenza all’ex asilo, dove l’Archivio troverà la nuova dimora.

La condizione era stata posta dal precedente ministro della cultura, Dario Franceschini e l’attuale titolare del dicastero, Gennaro Sangiuliano, l’ha ribadita: la Regione sarebbe dovuta entrare a far parte della Fondazione perché poi i fondi venissero erogati. I soldi arriveranno attraverso gare gestite dalla Soprintendenza: si è trattato di un percorso abbastanza complesso che è stato possibile completare con l’impegno profuso dal presidente della Regione, Eugenio Giani, al quale siamo grati così come alla struttura dell’amministrazione regionale, con particolare riferimento alla dottoressa Elena Pianea". Alla sottoscrizione ufficiale dell’atto erano presenti lo stesso Giani, il vicesindaco pievano Massimo Mormii, l’ingegner Albano Bragagni e altri rappresentanti della fondazione. La notizia era stata anticipata nel settembre del 2021: l’Archivio Diaristico Nazionale e il Piccolo Museo del Diario di Pieve Santo Stefano avranno una nuova sede nel Complesso delle Monache su investimento del governo nazionale pari a 4,1 milioni di euro. L’importante investimento permetterà il recupero di un edificio che appartiene a pieno titolo alla storia di Pieve Santo Stefano, anche se ha bisogno di un accurato intervento di riqualificazione. La nuova sede diventerà un centro innovativo di produzione culturale con il risvolto turistico offerto dal museo e dal fatto che Pieve Santo Stefano è la prima tappa dei Cammini di Francesco.