Cortona va in letargo. Gli alberghi chiudono: "Una stagione al top"

I gestori di tre alberghi sono alle ultime battute dopo un periodo positivo. Brindano anche alla mostra di Signorelli che ha attirato migliaia di turisti.

Cortona va in letargo. Gli alberghi chiudono: "Una stagione al top"

Cortona va in letargo. Gli alberghi chiudono: "Una stagione al top"

Ponte Ognissanti non esattamente da tutto esaurito a Cortona. Complice il meteo non favorevolissimo e un ponte che alla fine tanto ponte non è, essendo caduto proprio in mezzo alla settimana. Gli operatori, forse, si aspettavano qualcosa di più, ma alla fine brindano lo stesso ad una sostanziale fine stagione con un altro ottimo risultato. I principali alberghi del centro storico chiuderanno a giorni per riaprire solo da marzo in poi. "Questi giorni di novembre non sono estremante pieni – racconta Marina Torresi direttrice dell’Hotel Villa Marsili - noi chiuderemo domenica e fino ad allora qualche prenotazione, anche di stranieri la stiamo gestendo, ma si tratta di pernottamenti cortissimi. Non riapriremo nemmeno a Natale e Capodanno, è una nostra scelta per permetterci di tirare il fiato dopo una stagione molto piena e impegnativa e fare anche lavori di miglioramento alla struttura". Anche l’Hotel San Luca in piazza Garibaldi è pronto a chiudere per ferie. "In questi primi giorni pensavamo ci fosse più domanda – conferma Chiara Scorza manager dell’Hotel - in realtà è stato abbastanza calmo. L’occupazione è più o meno del 40% da qui ai prossimi giorni fino alla nostra chiusura, ma la stagione estiva è stata davvero positiva". Anche le agenzie di incoming turistico che gestiscono ville e case private non parlano di pienone. "Non abbiamo avuto molto movimento in questi giorni, ma ce lo aspettavamo essendo una data non favorevole, conferma Angela Bucaletti dell’agenzia "Travel Ideas". "Ancora qualche prenotazione continuiamo ad averla, soprattutto di turisti stranieri, in particolare americani.

Notiamo una ripresa per la settimana 18-25 novembre che corrisponde al periodo di ‘Thanksgiving’, quindi favorevole per una vacanza. Ovviamente con numeri che non hanno nulla a che vedere con quelli registrati nei mesi estivi". Parla di una "stagione lunga e autunno molto caldo" anche Vittorio Camorri dell’agenzia Terrestrusche. "Per noi questi giorni sono stati una continuità di questa fantastica stagione 2023 che ha riaperto ogni frontiera al turismo. Ci sono ancora stranieri, e abbiamo prenotazioni nel mese di novembre soprattutto nel centro storico. Un turismo in ripresa e di buon auspicio per il 2024. Una buona stagione anche per il mercato dei matrimoni che ha visto forti presenze di stranieri che hanno scelto Cortona come wedding destination". I dati definitivi sulla stagione 2023 non sono ancora arrivati, ma anche l’amministrazione sorride. "Anche la mostra dedicata al Signorelli ha portato un ottimo contributo conferma il vicesindaco e assessore alla cultura e turismo Francesco Attesti. Adesso c’è attesa per il periodo natalizio.