Corecom, focus sulle controversie. Conciliazioni: cinquemila all’anno tra telefonini, tv e la rete internet

Il Comitato regionale in tour in città. Il presidente Meacci: "Rafforziamo le misure a tutela dei cittadini". Dal patentino digitale per le scuole sull’uso consapevole dei social alle vertenze sulle telecomunicazioni.

Corecom, focus sulle controversie. Conciliazioni: cinquemila all’anno tra telefonini, tv e la rete internet

Corecom, focus sulle controversie. Conciliazioni: cinquemila all’anno tra telefonini, tv e la rete internet

di Angela Baldi

Tartassati dalla mattina alla sera da offerte e promozioni, alzi la mano chi non ha mai pensato almeno una volta di rivalersi su compagnie telefoniche, tv o internet. Al primo posto ci sono le controversie con gli operatori delle telecomunicazioni tra le attività del Corecom che negli ultimi vent’anni ha gestito 100mila richieste di conciliazione, registrando l’83% di soluzioni in sede di udienza. Quasi 5mila le istanze di conciliazione registrate in Toscana nel 2023, 3.244 concluse con esito positivo. Sono i numeri del Comitato toscano per le comunicazioni che ieri ha fatto tappa ad . La città è stata infatti la settima provincia del‘Corecom tour’, la campagna di informazione e comunicazione che il Comitato toscano per le comunicazioni, in collaborazione con l’Unione Province Italiane, ha intrapreso per spiegare i diritti dei cittadini nel vasto mondo delle telecomunicazioni. L’appuntamento nella Sala dei Grandi della Provincia alla presenza del presidente del Corecom Toscana Marco Meacci, delle componenti del Comitato Carlotta Agostini e Bianca Maria Giocoli, e del presidente della Provincia Alessandro Polcri. Prima dell’incontro il comitato ha visitato il Museo dei mezzi di comunicazione e la mostra "Il mondo in tasca", accompagnati dal curatore Fausto Casi e dalla dirigente Valentina Casi.

"Il Comitato Regionale per le Comunicazioni della Toscana è un organo di consulenza e gestione della Regione in materia di comunicazioni, nonché organo funzionale dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni – spiega il Presidente Meacci - Disciplinato da Legge regionale si avvale di un’apposita struttura amministrativa di assistenza individuata all’interno del Consiglio regionale". Obiettivo del Corecom tour promuovere la conoscenza dei diritti dei cittadini nel mondo delle telecomunicazioni, la consapevolezza nell’utilizzo della rete e dei social network e l’attività di sportello per la risoluzione delle controversie con gli operatori delle telecomunicazioni. Un servizio gratuito fornito dal Corecom. "Le attività sono molteplici - ha spiegato il presidente del Corecom - Viene rafforzata l’attività di formazione all’uso consapevole di web e social tra le nuove generazioni grazie all’iniziativa del ‘Patentino digitale’ con le scuole medie, si aggiorna la mappatura della realtà dell’informazione e della comunicazione in Toscana, attraverso una ricerca affidata ad Irpet. Saranno indetti gli Stati generali dell’informazione e della comunicazione, per restituire al Consiglio e alla Giunta regionali la fotografia e lo stato dei bisogni degli operatori. Obiettivo anche promuovere l’attività di sportello per la risoluzione delle controversie tra cittadini e compagnie telefoniche, tv a pagamento e internet, offrendo un servizio gratuito di conciliazione. Dal 2004 ad oggi, il Corecom ha gestito 100mila richieste di conciliazione, registrando l’83% di soluzioni in sede di udienza di conciliazione.

La cifra sale al 90% di soluzioni positive, considerando anche gli esiti delle pratiche che arrivano in sede di definizione per la decisione arbitrale. L’anno con il picco di richieste di conciliazione, quando se ne sono registrate oltre 10mila, è stato il 2021. Da allora il trend è in diminuzione, a conferma che la conciliazione funziona.