Quotidiano Nazionale logo
4 mag 2022

Bambini con due famiglie: "L'affido è una ricchezza"

Le storie dei genitori affidatari aretini nel giorno in cui si celebra la giornata nazionale. Stasera musical sul tema al Pietro Aretino

angela baldi
Cronaca
featured image
bambini

Arezzo, 4 maggio 2022 - Alessandro e Fiorella sono genitori affidatari dal 23 settembre 2017. Il giorno d’ingresso in famiglia dei loro gemelli che oggi hanno 6 anni, lo tengono a mente come il compleanno. Sono una delle decine di famiglie che ad Arezzo hanno deciso di accogliere minori provenienti da altre famiglie. Per tutti i bambini con due mamme oggi si celebra la giornata degli affidi, sono trascorsi 39 anni dal 4 maggio ‘83, quando la legge ha regolamentato l’affidamento familiare, per porre rimedio a situazioni di temporanea inabilità dei genitori naturali a prendersi cura dei propri figli, offrendo ai minori contesti idonei in cui crescere e prevedendo aiuti per la famiglia d’origine. E’ quello che ad Arezzo fa il Centro Affidi del Comune coordinato da Maurizio Bigi, che promuove l’affidamento familiare, reperisce famiglie e singoli disponibili, organizza momenti di incontro tra famiglie e gruppi di auto-aiuto, cura gli abbinamenti coi minori che servizi sociali e tribunale propongono. “Siamo diventati genitori affidatari il 23 settembre 2017 – dice Fiorella - ma il percorso coi servizi sociali è iniziato prima, come quello conoscitivo con i bimbi. E’ un classico affido che viene chiamato temporaneo ma che temporaneo non è, perché raramente i minori affidati rientrano in famiglia d’origine e il nostro è un caso “sine die”. Non è neanche un’adozione mite, perché i genitori naturali ci sono e devono mantenere contatti coi bambini mensilmente”. La decisione di accogliere e allargare la famiglia dopo l’adozione. “Abbiamo aperto le porte a 2 gemelli di 20 mesi, che hanno appena compiuto 6 anni. E’ l’età che aveva mia figlia quando sono arrivati – dice Fiorella – conoscevamo le difficoltà, ma volevamo condividere l’abbondanza ricevuta con chi aveva bisogno. Così ne abbiamo parlato con nostra figlia adottiva, avuta alla stessa età dei gemelli. Lei desiderava ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?