Perugia, 13 giugno 2017 – SI E’ GUARDATA intorno, ha visto che di gente in giro ce n’era ancora parecchia. Ma nonostante ciò non ci ha pensato un attimo: la ragazza si è diretta ai piedi della Fontana Maggiore, dal lato che dà sul Duomo, ha abbassato i pantaloni e ha fatto pipì proprio al centro di una delle piazze più belle d’Italia.

 NON HA AVUTO vergogna né rispetto per il luogo e per ciò che rappresenta, dando sfogo senza problemi al proprio bisogno corporale. E’ accaduto domenica alle 21,34, quando una giovane, come mostrano i video delle telecamere del Comune, provenendo da via Maestà delle Volte ha compiuto l’incivile gesto che potrebbe costarle una multa da cento euro e persino una denuncia all’autorità giudiziaria.

LA FOTO ritratta dal sito di informazione «Umbria On» mostra il momento in cui la donna mette a segno il ‘colpo’: sullo sfondo si notano le persone sedute lungo la scalinata che conduce alla Sala dei Notari ed altre che passeggiano intorno alla fontana. Il suo «gesto» è durato lo spazio di pochi secondo e subito dopo si è diretta verso piazza Danti. C’è da chiedersi se la ragazza fosse ubriaca, oppure se abbia compiuto un consapevole ‘sfregio’ ai danni della Fontana Maggiore.

DI SICURO non è la prima volta che accade un fatto simile e ancora una volta un dato emerge chiaramente: la piazza principale è troppo vulnerabile. Alla polizia municipale, comunque, non è arrivata alcuna segnalazione. Un precedente «fattaccio» risale a meno di un mese fa, al 26 aprile, quando una grave atto vandalico venne compiuto ai danni dell’Ufficio relazioni con il pubblico di Palazzo dei Priori. Episodi insomma che ripropongono la questione-sicurezza e degrado nell’acropoli e soprattutto nella centralissima piazza IV Novembre.

E’ ACCADUTO in varie altre occasioni ma ogni volta fa notizia, come quando qualcuno ha pensato bene di entrare all’interno della Fontana Maggiore e «sfregiarla» (per fortuna in modo lieve), oppure imbrattarla. Ma qualche mese fa – per restare in piazza – furono prese di mira le Logge di Braccio appena restaurate dalla società che fa capo a Eugenio Guarducci, patron di Eurochocolate. Il bilancio della Municipale racconta che l’anno scorso il monumento è stata «violato» in ben cinque occasioni.

CINQUE volte cioè qualcuno ha deciso di scavalcare la recinzione del monumento-simbolo di Perugia, nonostante il divieto. «Bravate» insomma, per colpa delle quali la Fontana ha rischiato di essere danneggiata e che sono state scoperte comunque dalla Polizia municipale che ha individuato e sanzionato con 100 euro di multa queste persone.

michele nucci