Pistoia, 20 aprile 2017 - Gli uomini della polizia scientifica al lavoro in un appartamento in zona residenziale a Pescia. L'allarme è scattato dopo che alcuni vicini di casa hanno chiesto di poter entrare per parlare con la donna che risiede nella casa.

La scoperta del cadavere  di Marina Bruni, pistoiese di origine, che oggi avrebbe avuto 90 anni, è avvenuta in una camera da letto. Ancora da capire l'estatta dinamica dei fatti ma, da quello che si apprende, il decesso dell'anziana  sarebbe avvenuto anni addietro, otto o forse dieci. Sul posto anche il medico legale incaricato e i vigili del fuoco di Pistoia.

La donna viveva con la figlia di 51 anni, Cinzia Del Tredici, mentre il padre era morto una decina di anni fa. Il corpo dell'anziana è stato ritrovato dagli agenti in avanzato stato di decomposizione, avvolto in coperte e sacchi spessi. Si era praticamente mummificato, anche per il contatto costante con l'aria che la figlia avrebbe fatto entrare tenendo sempre la finestra aperta.

I vicini della donna che teneva in casa il cadavere della madre

Sembra che alla base della vicenda ci siano ragioni economiche: la figlia avrebbe continuato a riscuotere la pensione della madre morta e per questo è stata denunciata per truffa ai danni dello Stato, oltre che per occultamento di cadavere.  Sono stati i vicini di casa a chiamare la polizia. La donna si era rivolta alla coppia, che vive nello stesso stabile, per dare un'occhiata alla sua caldaia, che si era improvvisamente guastata. I due hanno anche raccontato di aver trovato una casa molto sporca e in completo disordine (con panni e scarpe ammassate in vari punti), ma dove erano presenti numerose confezioni di deodorante: per questo si sono insospettiti, anche tenendo conto del fatto che non vedevano la novantenne da molto tempo. All'arrivo della polizia e dei vigili del fuoco la signora non ha opposto resistenza e ha consegnato loro le chiavi della stanza dove è poi stato trovato il cadavere.

Ora la 51enne si trova in cura presso i servizi sociali all'ospedale di Pescia. L'autopsia potà chiarire la data  e la causa della morte dell'anziana.