Firenze, 12 ottobre 2017 - Due aziende del territorio pisano stanno lavorando allo sviluppo di una tecnologia per metetre a punto il pilota automatico dell'automobile. Si tratta della Evidence di Ghezzano (Pisa) e della Pitom di Navacchio (Pisa) che fanno parte del progetto europeo Hercules, che coinvolge anche la Magneti Marelli e l'Università di Modena e Reggio Emilia.

Lo rende noto Movet, il consorzio che riunisce unioversità e aziende dell'automotive. In particolare, l'azienda di Ghezzano si occupa della realizzazione dei sistemi operativi real time, che già disegna per le macchine industriali. «Noi - spiega l'ad di Evidence, Paolo Gai - forniamo quindi la componente software di base, sulla quale i nostri clienti, tra cui Magneti Marelli, Vodafone Automotive, Ariston e Honeywell, montano i loro software applicativi». Accanto all'azienda pisana ci sono partner italiani e stranieri, provenienti da Svizzera, Germania e Repubblica Ceca. Finanziato con 3 milioni di euro dalla Commissione Europea, Hercules dovrà creare una tecnologia per automatizzare i veicoli, al pari di quello che stanno facendo colossi come Google o Tesla.