Torna il Quarto Platano. Un museo permanente

A Villa Bertelli sarà realizzata un’esposizione di big della cultura del Novecento che lavorarono in paese.

Torna il Quarto Platano. Un museo permanente

Torna il Quarto Platano. Un museo permanente

Un omaggio ai grandi della cultura. Al secondo piano di Villa Bertelli nascerà un museo permanente dedicato agli artisti che hanno lavorato e vissuto a Forte dei Marmi. L’amministrazione comunale ha infatti destinato 50mila euro per le spese di progettazione e allestimento del “Museo di Forte dei Marmi Quarto Platano”, dando seguito alla proposta di realizzare una sezione permanente di arte moderna in tre sale al secondo piano della Villa, "ampliando l’offerta culturale del paese e la conoscenza sua identità storica". A farsi promotrice del progetto è la Fondazione Corrente Onlus di Milano che ha costituito un comitato scientifico per la raccolta di un primo nucleo di opere: è un ente istituito da Lidia Treccani De Grada e Ernesto Treccani nel 1978, insieme ad altri intellettuali milanesi, per tenere viva la memoria degli artisti legati al movimento di Corrente e all’arte italiana del Novecento. Il Comitato scientifico per il Museo di Forte dei Marmi “Quarto Platano” è composto da docenti e rappresentanti degli archivi che tutelano l’opera degli artisti: tra questi anche Ermindo Tucci presidente di Villa Bertelli. Il percorso della mostra prevede un continuum tra quattro spazi espositivi tematici: nella prima sala le opere già donate alla Fondazione Bertelli dalla famiglia Dazzi; la seconda aprirà invece agli artisti storicizzati legati al Novecento, per finire con quelli di Forte dei Marmi del Dopo Guerra. Ci sarà spazio per Arnold Bocklin, Massimo Campigli, Felice Carena, Carlo Carrà, Giorgio De Chirico, Raffaele De Grada, Ugo Guidi, Renato Guttuso, Giacomo Manzù, Marino Marini, Lorenzo Viani e molti altri. Un totale di circa 60 opere: quadri, sculture e pubblicazioni d’epoca (manifesti, riviste, fotografie, testi e lettere)

Francesca Navari