Più spazio a bar e ristoranti. Negozi di Tonfano in rivolta: "Così si creano disparità"

Infuocata assemblea al “Caffè Margherita“ tra Comune e attività della frazione. Presentata la bozza sulle modifiche al suolo pubblico. A giorni le scelte ufficiali

Tonfano

Tonfano

Marina di Pietrasanta, 4 aprile 2024 – Aria di rivolta tra i negozi di Tonfano. Di quelle che potrebbe spegnersi subito o, al contrario, divampare: tutto dipenderà dalle decisioni del Comune di fronte alla richiesta di un bar di occupare con i tavolini anche il marciapiede dirimpettaio. Il diniego farebbe morire la questione sul nascere, ma le probabilità di un via libera sono considerate molto alte e questo comporterebbe un effetto-domino, con almeno altri due locali pronti a fare altrettanto. Che il tema sia sentito lo dimostra l’infuocato incontro di ieri mattina al “Caffè Margherita“, in piazza XXIV Maggio.

Il Comune ha presentato una bozza delle modifiche al regolamento dell’arredo urbano, chiedendo ai commercianti consigli e proposte su eventuali migliorie per suolo pubblico, espositori, orari di apertura di via Versilia e quant’altro. Proposte che la maggioranza dovrà ora vagliare, inclusa quella dell’attività interessata ad occupare anche il marciapiede opposto. Questa ipotesi viene mal vista dai negozi limitrofi, i quali rivendicano anche il fatto di lavorare tutto l’anno a differenza di chi apre solo in estate. "Così si creano disparità – si sfoga un gruppo di attività – e si genera il caos proprio in un momento in cui stiamo cercando di dare più ordine e di regolarizzare l’assetto della frazione". Se l’ascia verrà sotterrata o no lo sapremo a giorni.

Daniele Masseglia