Nel nome dei trabaccolari. Nel 2024 il gemellaggio festeggerà trent’anni

Una delegazione di viareggini ricevuta in pompa magna a San Benedetto. Poste anche le basi per un convegno a Carnevale sulla ricetta del sugo di mare.

Nel nome dei trabaccolari. Nel 2024 il gemellaggio festeggerà trent’anni

Nel nome dei trabaccolari. Nel 2024 il gemellaggio festeggerà trent’anni

San Benedetto e Viareggio hanno rafforzato anche quest’anno, in occasione delle feste patronali per San Benedetto Martire, il proprio gemellaggio, in attesa di celebrare nel 2024 i trent’anni del proprio legame di fratellanza, dovuto anche alla presenza di tanti “trabaccolari” nel territorio viareggino. Una delegazione viareggina, infatti, capitanata dal delegato del sindaco Pietro Romani, direttore di Viareggio Porto, ha fatto visita ai gemelli sambenedettesi che, come sempre, hanno riservato loro un’accoglienza degna dell’importanza del proprio vincolo di sangue. Il gruppo di cittadini viareggini era stato preceduto da un piccolo avamposto comandato dall’ex sindaco Andrea Palestini che ha partecipato alla processione e alla funzione religiosa dedicate al Santo Patrono, al termine delle quali ha avuto occasione per un proficuo scambio di vedute con l’onorevole Lucia Albano (sambenedettese), sottosegretario al Ministero dell’economia e delle finanze. Inoltre, l’ex primo cittadino viareggino ha partecipato, in rappresentanza della presidente Isabella Tobino, all’incontro tra i gemellati Rotary Club di San Benedetto e di Viareggio Versilia, oltre a ricevere dalle mani della scrittrice Antonella Roncarolo una copia del suo ultimo libro dal titolo “Quel silenzio in fondo al mare”.

La delegazione viareggina è stata ricevuta dal sindaco di San Benedetto Antonio Spazzafumo dall’assessore ai servizi sociali Sanguigni al salone della Parrocchia San Benedetto Martire, per una cena offerta dal Comitato Festeggiamenti, capeggiato dal parroco Don Guido Coccia. Andrea Palestini ha incontrato lo storico Giuseppe Merlini, gettando le basi per una conferenza sulle variazioni della toponomastica della fauna ittica nel corso dei secoli e sulla ricetta del sugo alla trabaccolara, da tenersi a Viareggio nel periodo del Carnevale 2024.

Un altro gruppo di viareggini, invece, si è recata all’Old Spirit Pub dove l’anfitrione Giorgio Trionfi ha accolto piacevolmente i gemelli, augurando le migliori fortune alla squadra di calcio del Viareggio. Alcuni componenti della delegazione hanno raggiunto via dei Trabaccolari, per la consueta foto davanti al cartello che indica la denominazione della strada, posta nell’area portuale. Hanno collaborato alla riuscita della visita il Comitato Festeggiamenti San Benedetto Martire, la Stella del Mare, l’amministrazione comunale di San Benedetto, l’Hotel Arlecchino, la Degusteria del Gigante, il Ristorantino Il Relitto di Alfredo Amadio (figlio di madre viareggina), la Casa Vinicola Carminucci, il Casale Nibbi di Amatrice e l’Oleificio di Silvestri Rosina di Spinetoli.