Le luci di Natale che stanno spuntando nelle zone nevralgiche della città fanno un deciso contrasto con le giornate tiepidamente autunnali che questa seconda metà di novembre sta regalando. Ma dovrebbe essere questione di pochi giorni, poi arriverà il freddo che porterà con sé le prime avvisaglie di atmosfera natalizia. A quel punto, il comune di Viareggio si farà trovare pronto: l’accensione degli addobbi è prevista per la fine del mese, al più tardi ai...

Le luci di Natale che stanno spuntando nelle zone nevralgiche della città fanno un deciso contrasto con le giornate tiepidamente autunnali che questa seconda metà di novembre sta regalando. Ma dovrebbe essere questione di pochi giorni, poi arriverà il freddo che porterà con sé le prime avvisaglie di atmosfera natalizia. A quel punto, il comune di Viareggio si farà trovare pronto: l’accensione degli addobbi è prevista per la fine del mese, al più tardi ai primi di dicembre. E il costo sarà interamente a carico del Comune e di una serie di sponsor privati.

Il programma stillato dal Comune prevede di posizionare le luci sulle palme della Passeggiata, in centro a Viareggio (Piazzone, area pedonale di via Battisti e via Fratti e aree limitrofe) e, a Torre del Lago, su viale Marconi e lungo la via Garibaldi. I costi, come detto, saranno sostenuti dal Comune e dalle partecipate ICare e Mover per il sessanta per cento; il restante quaranta per cento sarà invece coperto da sponsor privati.

Oltre alle luci, ci sarà ovviamente l’albero di Natale in piazza Mazzini, sponsorizzato da Farmaè. E poi verranno posizionate due stelle a dodici punte, alte cinque metri: una si troverà al Piazzone, in centro, e l’altra in Piazza del Popolo, a Torre del Lago. Entrambe le stelle saranno pagate da Ipersoap.

Nessun onere per i commercianti, dunque, a differenza degli anni passati. "Delle luci se ne occupa il Comune, ma d’altronde, è difficile chiedere alle attività un contributo in una fase come questa – commenta Alberto Fappani, che in passato ha coordinato l’allestimento degli addobbi in Passeggiata – visto che con il Covìd è tutto fermo. I negozi sono per lo più chiusi, il momento è delicato e l’obiettivo primario di chi fa impresa è superare le difficoltà".

Anche al Piazzone l’iniziativa è già stata assunta dal Comune (ieri il personale dell’ente ha continuato a installare le luci su via Fratti) ma senza un vero coinvolgimento delle attività commerciali. "Come Centro commerciale naturale, ma valga anche per le altre categorie economiche – spiega il presidente del Ccn Piazzone, Stefano Lazzarini – non abbiamo partecipato alla progettualità e quindi tanto meno alla messa in opera delle luci di Natale: mi risulta che quest’anno sia l’amministrazione stessa a occuparsi di tutto".

Daniele Mannocchi