Don Luca Volpi, parroco di Seravezza
Don Luca Volpi, parroco di Seravezza

Seravezza (Lucca), 1 novembre 2019 - Quell’invito, rivolto «specialmente agli islamici», ha colpito non poco. La parrocchia di Seravezza ha promosso due incontri di formazione («per giovani e adulti») nella sala in via Scalette 47, pubblicizzati nella bacheca del Duomo: l’11 novembre alle 21 l’argomento sarà «Il Corano» mentre il 18 novembre «L’Islam», con un caloroso appello alla partecipazione anche dei non cristiani cattolici: «tutti sono invitati, specialmente gli islamici».

Un’iniziativa che ha già spaccato la comunità, tra favorevoli a quelle sedute di impronta storica e contrari ad una divulgazione ben lontana dalla promozione evangelica. L’idea è del parroco don Luca Volpi, non nuovo a scelte «in controtendenza»: nell’agosto scorso salì alla ribalta della cronaca per i volantini-appello con cui si richiedeva a ogni famiglia un contributo di mille-2mila euro per sostenere i lavori di rifacimento dei luoghi di culto a Seravezza («altrimenti alcune chiese sarà meglio venderle»), allegando l’iban per il bonifico come «dovere cristiano». Sempre don Luca, poche settimane dopo, dall’altare lanciò la prospettiva dei funerali collettivi, risollevando l’attenzione pure su quella posizione così originale.

Stavolta i due incontri di formazione appaiono materia assai più ‘spinosa’. A tenere entrambe le conferenze sarà il professor Massimo Salani, docente di storia delle religioni e patrologia allo studio teologico interdiocesano di Camaiore e di storia delle religioni patrologia all’istituto superiore di scienze religiose di Pisa. Un docente-scrittore che ha fatto del suo libro «A tavola con le religioni» il fil rouge del proprio pensiero, ritenendo il cibo «strettamente legato al dialogo interreligioso, unico percorso plausibile ed auspicabile nell’epoca che viviamo e compito preciso di tutte le religioni». «Il cibo – si legge in una dichiarazione del professor Salani – è uno strumento assolutamente privilegiato per conoscersi, dialogare, vivere la convivialità».

String at issimo il commento di don Luca, interpellato sulle ragioni di sedute su Islam e Corano e sul taglio che avranno tali iniziative. «Anche a ottobre abbiamo fatto degli incontri. Questo è un argomento come tanti».


© RIPRODUZIONE RISERVATA