L'incendio a Viareggio (foto Aldo Umicini)
L'incendio a Viareggio (foto Aldo Umicini)

Viareggio, 24 maggio 2019 - È stato spento l'incendio che aveva interessato un rimessaggio di barche a Viareggio, al confine con il comune di Massarosa. In attesa dei risultati delle analisi dei tecnici di Arpat il sindaco di Massarosa ha deciso di emettere un'ordinanza, a scopo cautelativo, con la quale invita i cittadini che abitano in un raggio di 1 chilometro a monte e 300 metri nelle altre direzioni, ad evitare di sostare all'aria aperta, a chiudere porte e finestre, a disattivare impianti di ricambio area.

La ditta dove si è sviluppato l'incendio, intorno alle 14.30, è la Marine Service che produce barche. Da quanto appreso non ci sono coperture in amianto. La colonna di fumo, al massimo del rogo, ha raggiunto secondo i vigili del fuoco 100-200 metri ed era visibile a diversi chilometri di distanza. La nota del Comune di Massarosa, precisa che «è sconsigliata la raccolta di frutti e ortaggi nell'area sopraindicata, vincolando comunque l'eventuale consumo a un accurato lavaggio con acqua corrente potabile. Interdetto anche l'uso di spazi aperti per eventuali manifestazioni pubbliche. Inoltre ai produttori di frutta e verdura della zona viene chiesto "di mettere in atto le opportune misure preventive nell'ambito del proprio sistema di autocontrollo, quale l'accurato lavaggio di frutta e verdura dopo la raccolta e prima della commercializzazione ed ogni altra misura idonea alla riduzione del rischio per i consumatori", e viene sconsigliato il pascolamento di animali e la somministrazione di foraggi freschi. Smentita invece l'ipotesi, circolata sui social, che l'incendio abbia interessato l'impianto di Pioppogatto, al centro di numerose polemiche negli ultimi mesi, che si trova a oltre 2 km di distanza.