Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
15 mag 2022

Il Comune fuori dal processo: "Diteci perché"

Nessuno della maggioranza ha partecipato all’incontro promosso dai familiari delle vittime, che ora chiedono un consiglio comunale aperto

15 mag 2022
martina del chicca
Cronaca

di Martina Del Chicca "Un impegno politico, intellettuale. E culturale". E’ questa mancanza che i familiari delle vittime del 29 giugno soffrono, e che contestano alle amministrazioni comunali, quelle passate e quella presente. Dal 2009 fino ad oggi. Un impegno che sarebbe dovuto andare oltre la condivisione del dolore; la solidarietà, espressa a parole. Un impegno che sarebbe dovuto diventare civile: "concreto, per la giustizia e la sicurezza". Dopo una sentenza di Cassazione che cristallizza che il disastro ferroviario di Viareggio, "fu il frutto di una negligenza e di un assenza di controllo nel sistema ferroviario, ad oggi – dicono i familiari – non sappiamo se le Ferrovie hanno colmato questi vuoti". Mentre i treni ancora sfiorano le case affacciate sui binari, "e nessuno, né i vigili del fuoco , né la protezione civile, ancora sa cosa trasportano dentro quelle cisterne". Con tutti i rischi, che ancora, ci passano accanto. Oggi, come il 29 giugno 2009. Quando un treno gonfio di Gpl ha deragliato alle porte della stazione, portandoci dritti all’inferno. Il Comune, come istituzione, avrebbe potuto, forse dovuto, pretendere un cambiamento. Pretendere controlli, protocolli, informazioni, tutele. Non delegando questo compito, nelle migliore delle ipotesi, ai familiari delle vittime di quella notte. E’ anche su questo che Marco Piagentini e Daniela Rombi, un padre e una madre uniti dalla stessa perdita, e dalla stessa volontà di costruire un mondo più giusto, avrebbero voluto confrontarsi con l’amministrazione Del Ghingaro. Che però ha scelto di non essere presente, come alle udienze del processo d’Appello bis, né con un rappresentante della giunta, né con uno della maggioranza, al dibattito promosso dall’associazione ’Il mondo che vorrei’, ieri mattina, davanti al Municipio. L’occasione anche per affrontare con la città il percorso che ha portato il Comune di Viareggio a ritirare la costituzione di parte civile e ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?