L’imprenditore Alex Magni
L’imprenditore Alex Magni

Viareggio, 9 novembre 2019 - Mettiamo nel calderone una donna ’adulta’ ma ancora giovanile, bella e avvenente; un pizzico di pepe e di avventura; e una casa di produzione toscana perennemente a caccia di «talenti» per il mondo hard. Shakeriamo un po’, e avremo l’ennesima conferma del fatto che, quando si parla di porno, la Versilia offre un terreno fertile. Dopo le tante stelle dell’intrattenimento per adulti che hanno solcato il panorama locale e nazionale in trent’anni di avventura, sia in pellicole amatoriali che nell’industria vera e propria, ora nell’empireo di «esploratrici» versiliesi che hanno deciso di cimentarsi con il mondo dell’hard è entrata una nuova protagonista: si tratta di una distinta signora bionda, con fisico da far invidia a ragazze di venticinque anni più giovani.

La donna ha fatto il suo esordio a luci rosse in una produzione della CentoXCento, il noto marchio toscano del «tuttofare» Alex Magni. La signora, spacciata nell’introduzione del film per una toscana dell’aretino di 43 anni, «tradisce» le sue origini con un accento che pare più versiliese che aretino. Sia lei che il co-protagonista della produzione indossano la mascherina d’ordinanza che cela (ma solo parzialmente...) le fattezze degli attori più «timidi» che gravitano nell’orbita della CentoXCento . A filmare le imprese della coppia è Alex Magni: la «location peccaminosa» è una sorta di vecchio casale ristrutturato, che in teoria potrebbe essere ovunque.

Il film è già uscito ed è disponibile nel catalogo della CentoXCento . Alcuni spezzoni appetizer sono stati pubblicati anche sui siti d’intrattenimento per adulti ai primi di settembre. E in alcuni ambienti più «vicini» al mondo dell’hard, come sempre in questi casi, già impazza il «toto-nome» per svelare l’identità della protagonista. L’ipotesi più gettonata è che sia una madre di famiglia residente a Lido di Camaiore, ma qualcuno ha voluto riconoscere nella forma del viso una viareggina. E resta aperto un altro quesito: è stata solo una «scappatella», oppure siamo di fronte ad una nuova stella?
RedViar
© RIPRODUZIONE RISERVATA