Continuità assistenziale. La Asl lancia "Help". In aiuto dei più deboli

Il progetto è rivolto ai ‘fragili’ e a persone con limitazione dell’autonomia. Finanziamento in parte sostenuto dalla Regione per 500 mila euro.

Continuità assistenziale. La Asl lancia "Help". In aiuto dei più deboli
Continuità assistenziale. La Asl lancia "Help". In aiuto dei più deboli

Nella zona distretto Versilia parte il progetto “Help Service 2”, finanziato dalla Regione Toscana per un importo totale di 500mila euro. Il progetto sostiene la domiciliarità per le persone con limitazione dell’autonomia e le iniziative per il potenziamento dei servizi di continuità assistenziale, già realizzate sia con risorse del Por fse 2014-20, Asse B Inclusione sociale e lotta alla povertà (Progetto SO.F.I.A. e Progetto Past Versilia) che con risorse del Fondo di sviluppo e coesione (Progetto Help Service).

Le finalità dell’intervento si possono riassumere nei seguenti punti: implementare la risposta di continuità ospedale-territorio nell’ottica di offrire risposte appropriate ai pazienti fragili e con bisogni assistenziali complessi, che necessitano di continuità delle cure, al momento della dimissione ospedaliera; favorire l’accesso a servizi di carattere socio-assistenziale di sostegno e supporto alle persone con diagnosi di demenza e alla loro famiglia, per garantire una reale possibilità di permanenza presso il proprio domicilio e all’interno del proprio contesto di vita; potenziare e consolidare, nell’ambito della presa in carico della persona con limitazione dell’autonomia, i servizi di assistenza familiare per favorire la permanenza presso il proprio domicilio ed evitare il ricovero in una struttura residenziale.

I pacchetti potranno essere erogati fino alla scadenza del progetto (31122024) o all’esaurimento delle risorse disponibili. In particolare i “Servizi di continuità assistenziale ospedale-territorio” prevedon per pazienti Covid, persone anziane con limitazione temporanea dell’autonomia o a rischio di non autosufficienza e persone disabili in condizione di gravità, dei buoni servizio per il rientro al domicilio a seguito di un ricovero.

I “Percorsi per la cura ed il sostegno familiare di persone affette da demenza” sono rivolti a persone con una diagnosi di demenza, effettuata dai servizi specialistici competenti, residenti sul territorio della Zona, mentre l’azione 3 “Ampliamento del servizio di assistenza familiare”, rivolta ad anziani non autosufficienti, prevede l’erogazione di contributi per l’assunzione di un assistente familiare con contratto di almeno 26 ore settimanali.

La modulistica per partecipare è reperibile nella sezione Bandi e Concorsi del sito dell’Azienda USL Toscana Nord Ovest (https:www.uslnordovest.toscana.itbandi-e-concorsi11183-zona-versilia-progetto-help-service-2-avvio-delle-prestazioni-previste-dall-avviso-regionale-sostegno-all-assistenza-socio-sanitaria-domiciliare-a-valere-sul-fondo-di-sviluppo-e-coesione-fsc) o presso i Punti Insieme della Zona Distretto.